Aggiornamento di Chrome per desktop e Chromebook

Di - 12 July 2012 - in

Google Chrome non si ferma mai e gli aggiornamenti di cui parliamo oggi sono piuttosto interessanti e corposi.  Il team di sviluppo ha infatti rilasciato un aggiornamento per la versione desktop del suo browser (versione 20.0.1132.57) e Chrome 20 per Chromebook (versione 20.0.1322.54 per ChromeOS versione 2268.105.0), ovvero per Acer AC700, Samsung Series 5, Samsung Chromebook Series 5 500, Samsung Chromebox Series 3 e Cr-48.

Per quanto l’aggiornamento riguardante Linux, Mac, Windows e Chrome Frame non sia apparentemente importante quanto l’avanzamento di versione nei Chromebook, vi sono comunque novità interessanti. La prima di queste è un aggiornamento di Flash Player, al quale si aggiunge l’aggiornamento di V8 alla versione 3.10.8.20. Vi si affiancano anche alcuni aggiornamenti che risolvono bug e problemi di stabilità, insieme ad altri 3 riguardanti la sicurezza.

Questi ultimi sono tutti di livello alto. Uno lo si deve ad Alexey Samsonov di Google, mentre i due rimanenti a miaubiz, che per il suo contributo ha ricevuto un premio di 2000 dollari.

La novità più interessante, tuttavia, è l’avanzamento di versione di Chrome per Chromebook, come già detto in precedenza. Questo aggiornamento sarà disponibile nei dispositivi elencati sopra nei prossimi giorni.

Le novità più interessanti sono le seguenti:

  • Supporto per Google Drive
  • Supporto offline per Google Docs
  • Aggiornamento del firmware per Samsung Chromebook Series 5 500
  • Aggiornamenti di Pepper Flash
  • Introdotta una nuova interfaccia utente nei sistemi Cr-48
  • Passaggio a driver open source per il touchpad dei Cr-48

Google riconosce alcuni problemi riguardanti ChromeOS, in particolare la possibile sospensione del sistema nei Samsung Chromebook Series 5 500 durante la riproduzione di audio in streaming e la possibilità che sia richiesto il login di un amministratore prima che possa essere eseguito il login da parte di un utente. In questo secondo caso, riguardante tutti i dispositivi con ChromeOS, è possibile risolvere il problema con un workaround. Se possibile, infatti, Google consiglia di eseguire il login alla macchina come amministratore, altrimenti eseguirlo come Guest e seguire le istruzioni presenti nel supporto per scaricare un’immagine di recupero del sistema e installarla nel proprio Chromebook. In questo caso, Google invita gli utenti a contattare il gruppo di supporto Ninja.

Via | Chrome Releases (desktopchromebook)

Leave a Reply

Mattia Migliorini Articolo scritto da

Studente di informatica presso l'Università di Padova, web designer, amante di Linux e dell'open source in generale. Membro di Ubuntu e di 2viLUG, da gennaio 2012 è collaboratore di Engeene.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: