Amazon acquista una società esperta in sintesi vocale

Di - 29 January 2013 - in

Pochi giorni fa Amazon ha annunciato l’acquisto di una società polacca specializzata in tecnologie di sintesi vocale, la Ivona Software. Tale società, che fornisce (e continuerà a fornire) servizi di sintesi vocale a chi vuole integrare questa funzionalità nei propri software, vedeva già Amazon tra i suoi clienti. Tutte le funzionalità di sintesi vocale presenti nel Kindle Fire, compresa la funzionalità explore by touch, sono infatti realizzate grazie a BrightVoice, il principale prodotto di Ivona Software.

BrightVoice è davvero un ottimo prodotto, in grado di far parlare le macchine con voci molto realistiche e curate, frutto di un’esperienza decennale nel campo. A BrightVoice si aggiunge una collezione di strumenti di sviluppo che permette di creare nuove voci in tempi relativamente rapidi e senza eccessivi sforzi economici.

Il sistema di sintesi e di riconoscimento vocale è forse tra i pochi grandi difetti di Android rispetto ad iOS: se si priva il sistema di Google dei servizi forniti da Google, infatti, non si ha nulla che assomigli al riconoscimento vocale di Siri e al sistema di controllo vocale di VoiceOver.

Questo acquisto cosí particolare e specializzato dimostra che Amazon punta molto sullo sviluppo e l’evoluzione dei sistemi di sintesi e riconoscimento vocale, in modo da cercare di colmare questo divario che è tra i pochi nei del sistema con il quale equipaggia i suoi device.

Se poi si pensa che il core business di Amazon, in ambito consumer, resta sempre la vendita di libri, anche elettronici attraverso i suoi tablet, si capisce come l’acquisto di una società che produce software in grado di leggere libri con 44 ottime voci in ben diciassette lingue diverse sia potenzialmente molto vantaggioso.

La Ivona Software continuerà inoltre a sviluppare e migliorare le sue tecnologie, continuando a metterle a disposizione di clienti terzi. Questo aggiunge i servizi di sintesi vocale alla già enorme offerta, da parte di Amazon, di servizi di grande qualità per sviluppatori.

Insomma, possiamo aspettarci davvero molto da questo nuovo acquisto.

Leave a Reply

Lorenzo Breda Articolo scritto da

Studente di Informatica a Roma, si occupa di programmazione web sopratutto lato server, e di accessibilità del web. Utilizza e ama Debian GNU/Linux, e si interessa di fisica, fumetto, trekking e fotografia (gli ultimi due possibilmente abbinati). Collabora con Googlab da aprile 2012.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: