[Analytics] Nuova vista dei flussi di visitatori

Di - 20 October 2011 - in

Il team di Google Analytics ha appena annunciato due nuove funzioni, volte a rendere le analisi del comportamento dei visitatori sul sito web più semplici e al contempo utili ai webmaster.
Lo spunto per queste novità è nato dalla constatazione che gli attuali strumenti di analisi dei percorsi dei visitatori sono piuttosto disaggregati all’interno di Analytics, cosa che rende le analisi stesse tediose e poco intuitive.

Visualizzazione dei Flussi


La Visualizzazione dei Flussi fornisce una rappresentazione grafica accattivante dei flussi dei visitatori all’interno del sito, a partire da una qualsiasi dimensione (sorgente di traffico, referral, ecc..).
Attraverso questa vista sarà più semplice e naturale seguire il percorso dei visitatori attraverso il sito web.

La visualizzazione inoltre è interattiva. È possibile infatti selezionare un particolare percorso per richiamare informazioni aggiuntive.
Per esempio passando il cursore sopra uno snodo apparirà un box con dettagli relativi al traffico di una determinata pagina.

In questo modo è anche molto più semplice valutare l’efficacia delle pagine di un sito web.
È possibile inoltre entrare nello specifico di ogni snodo per osservare la composizione del traffico attraverso di esso.

Flusso degli obiettivi

Questa funzione pone invece l’accento sull’analisi dei flussi relativi agli obiettivi specifici designati dal proprietario del sito.
Attraverso la visualizzazione grafica sarà più semplice capire il comportamento dei flussi di visitatori in rapporto con gli obiettivi stabiliti.
Al momento sono supportati solo obiettivi specificati tramite URL, anche se presto verranno implementate altre tipologie.

Le possibilità di analisi però non si fermano qui, dato che è anche possibile applicare segmenti avanzati alle visualizzazioni dei flussi, oppure osservare percorsi di visite inversi.
Un aspetto importante di queste nuove funzioni sono gli algoritmi di identificazione e raggruppamento automatico dei dati. Se per esempio si sta analizzando un nodo, il sistema raggrupperà le pagine a monte e a valle del nodo secondo i flussi di visitatori più comuni.
Immagino che i puristi delle analisi dei dati rabbrividiranno al pensiero di un algoritmo che manipola in automatico dei dati “puri”. In realtà questo tipo di funzione risulta molto utile alla maggior parte dei webmaster che magari non hanno il tempo, o le competenze specifiche, per condurre lunghe e approfondite analisi su ogni singolo aspetto riguardante il comportamento dei visitatori sul sito.

Via | Google Analytics Blog

Leave a Reply

Gabriele Visconti Articolo scritto da

Editor in Chief per Engeene. Appassionato di Linux, FOSS, videogame e, da poco, di cucina. Parla quattro lingue ed ama leggere libri in lingua inglese.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: