Android: Google rilascia la tastiera stock per tutti sul Play Store

Di - 7 June 2013 - in
Post image for Android: Google rilascia la tastiera stock per tutti sul Play Store

Ad oggi sui terminali Android è molto facile incontrare software personalizzato dai vari produttori, tastiere incluse. Molte volte addirittura viene anche rimossa la tastiera stock ideata da Google. Ma ci pensa la stessa Google a risolvere la situazione. Il tutto in un’ottica di estensione della sua esperienza Nexus, quella di Android puro, già vista con i recenti rilasci di terminali non Nexus con Android stock e supporto diretto Google come il Samsung Galaxy S4 e l’HTC One. Ecco quindi rilasciata sul Google Play Store l’applicazione relativa alla tastiera stock di Android: Google Keyboard.

Google Keyboard è la tastiera che potete trovare nei terminali Nexus (e con Android 4.0+), essa supporta il testo predittivo, vari metodi di inserimento quali voce, digitazione e “swype“. Potrebbe sembrare come tutte le altre alternative presenti sul Play Store, ma la sue prestazioni sono difficilmente eguagliabili dalle concorrenti. Unico neo, qualora lo fosse, è la mancanza di personalizzazione, quindi scordatevi temi e template vari, l’unico look & feel sarà quello standard sviluppato da Google: minimale, funzionale e sobrio.

La tastiera supporta fino a 26 lingue e pesa circa 15 MB, ma non dovrebbe essere un problema dato che uno dei requisiti è quello di avere almeno Android ICS e solitamente i terminali che lo supportano non hanno problemi di spazio.

Questo rilascio, seguito da altri simili, potrebbe far pensare ad sorta di “modularizzazione” di Android, la quale permetterebbe di portare l’esperienza Pure Google anche dove non era stata concepita inizialmente e, visto che ad oggi molti produttori esagerano decisamente con personalizzazioni e software proprietario, questo andrebbe a portare benefici soprattutto agli utenti. C’è anche da pensare alla questione aggiornamenti: sempre le versioni personalizzate di Android, non beneficiano di aggiornamenti tempestivi e a volte non ne beneficiano proprio. Questo modo di pensare il sistema operativo del robottino, potrebbe portare ad avere quanto più software aggiornato possibile all’ultima versione, indipendentemente dalla volontà di aggiornare da parte dei produttori.

If so, good move, Google…

[Fonte: Android Google+ Page]

Leave a Reply

Sebastiano Greco Articolo scritto da

Sistemista per lavoro, programmatore per passione, ormai da qualche anno va avanti a pane e Google.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: