[Android] Intel e Google partner per Atom e Android

Di - 22 September 2011 - in

Durante l’ultimo Intel Developer Forum, tenutosi a San Francisco dal 13 al 15 settembre scorso, Andy Rubin, Google Senior Vice President e padre di Android, ha annunciato che Google e Intel lavoreranno insieme all’ottimizzazione del supporto dei processori Atom da parte di Android. Inoltre, il CEO di Intel Paul Otellini ha annunciato, sempre durante l’IDF, che il primo dispositivo Android a montare un processore Intel vedrà la luce nel corso del 2012.


Otellini ha anche mostrato un tablet funzionante con processore Atom.

Questo accordo (non esclusivo) con Google è di fondamentale importanza per Intel che da tempo cerca di entrare nel settore dei dispositivi mobili quali smartphone e tablet.
Il primo tentativo è stato fatto insieme a Nokia con la creazione del sistema operativo multi piattaforma MeeGo.
Purtroppo, nonostante MeeGo avesse ricevuto il plauso quasi generale dei commentatori e, soprattutto, della comunità open source, Nokia ha di fatto abbandonato il progetto nel momento in cui si è legata a doppio filo con Microsoft per l’adozione del sistema operativo mobile Windows Phone 7.
Quando il supporto dei processori Atom su Android sarà completato, sarà possibile per i produttori costruire i propri dispositivi su piattaforma x86 che potrà certamente portare in tavola un nutrito retaggio di sviluppatori e “confidence” da parte dei produttori.
Il processore Atom è un prodotto decisamente innovativo che vanta ottime prestazioni (idealmente maggiori rispetto ai processori ARM) e consumi ridottissimi.
Anche questo aspetto è secondo me molto importante per Google che non ha mai nascosto i propri desideri di “sdoganare” Android su sistemi hardware diversi da quelli solitamente presi in considerazione.

Leave a Reply

Gabriele Visconti Articolo scritto da

Editor in Chief per Engeene. Appassionato di Linux, FOSS, videogame e, da poco, di cucina. Parla quattro lingue ed ama leggere libri in lingua inglese.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: