[Android] Natale anche per Androdify

Di - 16 December 2011 - in

Tra le tante notizie relative a Google e al correlato mondo Android, spuntano spesso delle applicazioni che, a prima vista, vengono automaticamente catalogate dalla nostra mente come “buffe” e, a seguire, spesso come “inutili, ma divertenti”.

Ad una seconda occhiata però possono risultare non più cosi’ inutili, pur mantenendo la loro caratteristica di simpatia immediata.
A mio avviso, l’applicazione “made in Google” Androdify rientra esattamente in questa categoria: decisamente buffa e assolutamente non necessaria.
Per chi non la conoscesse, Androidify è un’applicazione che permette di creare delle versioni personalizzate e divertenti del famoso robottino verde. Queste immagini possono poi essere condivise e utilizzate nei modi più disparati.

Ecco, siamo poi a Natale (o giù di lì) e quindi perchè non fare in modo che le varie personalizzazioni includano anche le barbe bianche, i cappellozzi rossi, le corna delle renne, i pacchetti regalo e chi più ne ha, più ne metta? Bene, ecco il link all’update dell’Android Market
Esiste poi la possibilità di trasformare il nostro robottino verde virtuale in un robottino verde reale, da tenere sulla scrivania, attaccato alle chiavi della macchina, appeso alla porta di casa come “scacciaspiritimaligni”, insomma farne quello-che-ci-pare semplicemente richiedendolo a BobbleDroids, le istruzioni sono gentilmente fornite da AndroidCommunity.
Credo di poter affermare quindi che il nostro piccolo robottino verde, capelluto/occhialuto/abbigliato a nostra immagine è stato così utile da spingerci a spendere due soldi per avere un feticcio di sè stessi da custodire e proteggere gelosamente.
Che sia forse Una sorta di VooDoo dell’era moderna?

Leave a Reply

Laura Germana Vailati Articolo scritto da

Nata e cresciuta a Milano, dal cui caos si separa sempre con difficoltà, lavora per una multinazionale americana (no, non Google!). Condivide il suo tempo libero con una mamma, un compagno, due felini, tanti libri (piú di 3000 volumi. Di carta), tanta musica (piú di 2000 vinili), parecchi film e qualche buon amico di vecchissima data. A 16 anni le dissero che l'informatica non era la sua strada. All'epoca ci credette. E fece malissimo!

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: