AOSP accoglie Android 4.1 Jelly Bean

Di - 15 July 2012 - in

Android è molto amato e diffuso soprattutto per la sua natura open source. Il codice rilasciato da Google permette, ai tanti sviluppatori sparsi per il mondo, di potere realizzare delle proprie versioni ed ottimizzazioni del sistema operativo del robottino verde. Il progetto che si occupa di rendere pubblico il codice sorgente del sistema operativo mobile, è chiamato AOSP (Android Open Source Project).

Il responsabile di AOSP, Jean-Baptiste Queru (JBQ), ha recentemente dichiarato tramite Google Groups, che Android 4.1.1 Jelly Bean è ufficialmente open source, suscitando le reazioni entusiastiche dei tanti utenti che sono soliti addentrarsi nei meandri androidiani.

Per il momento esistono i binari di Nexus 7 e Galaxy Nexus, i terminali fiori all’occhiello di Google, e presto seguiranno quelli per Nexus S e Xoom. Dunque i cicli di rilascio di Android non sono cambiati, rendendo possibili le tante ROM custom attualmente in circolazione.

Senza dubbio l’attesa era grande. Molti utenti sono rimasti affascinati dalle potenzialità della nuova versione presentata al Google I/O, aspettando di poterle toccare con mano. I più fortunati, o previdenti, sono i possessori di Galaxy Nexus, che hanno ricevuto l’aggiornamento a Jelly Bean direttamente da Google. Gli altri dovranno aspettare che le case produttrici dei loro smartphone rilascino la nuova realtà mobile. Non tutti i terminali potranno avere un aggiornamento ufficiale, quindi l’open source si rivela una volta di più la migliore strada da seguire per potere rimanere aggiornati e soddisfatti.

Leave a Reply

Vincenzo Cimmelli Articolo scritto da

Studente di Informatica presso l’Università Federico II di Napoli. Utilizzatore dei servizi Google da diverso tempo. Particolarmente attratto da Android, di cui è un fiero utilizzatore. Amante del mondo GNU/Linux, la sua distribuzione attuale è Debian Wheezy con Gnome Shell. Sognatore per natura, spera di riuscire a realizzare almeno uno dei progetti stipati nel suo cassetto.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: