Basta pubblicitá intrusive su Android!

Di - 4 September 2013 - in
Post image for Basta pubblicitá intrusive su Android!

Il 23 Agosto sono state aggiornate le Norme del programma di Google Play per gli sviluppatori, ovvero tutte quelle regole che uno sviluppatore deve seguire per far si che la sua applicazione non venga rimossa dal Play Store.

La piú importante per gli utenti è la seguente:

Contesto degli annunci

All’utente deve essere chiaro a quale applicazione è associato un annuncio o in quale applicazione è implementato. Gli annunci non devono modificare il funzionamento del dispositivo dell’utente al di fuori del loro ambito svolgendo operazioni quali l’installazione di scorciatoie, segnalibri o icone oppure la modifica di impostazioni predefinite a insaputa dell’utente e senza il suo consenso. Se un annuncio apporta tali modifiche, l’utente deve sapere con esattezza quale applicazione le ha apportate e deve poter annullare tali modifiche con facilità, regolando le impostazioni sul dispositivo, le preferenze pubblicitarie nell’applicazione oppure disinstallando completamente l’applicazione.
Gli annunci non devono simulare o imitare notifiche o avvisi di sistema.

In breve è stata limitata la libertá degli sviluppatori di decidere come mostrare annunci pubblicitari all’utente, eliminando le fastidiosissime notifiche pubblicitarie, le icone sul desktop che non hanno nulla a che fare con l’applicazione stessa.

Non tutte le pubblicitá peró saranno eliminate. Pubblicitá relative all’applicazione stessa, come ad esempio offerte di una compagnia aerea o sconti in App purchase, potranno essere mostrate dalle rispettive applicazioni.

Ne consegue che applicazioni che usano AirPush come piattaforma per la pubblicitá dovranno essere /saranno ritirate o modificate per poter restare pubblicate.

Via | Google Operating System

Leave a Reply

Articolo scritto da

Techy, sviluppatore .Net per professione, sviluppatore Android per passione. All Around Android Lover e Google Enthusiast

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: