[Chrome] Il Dipartimento di Stato Americano adotta Chrome

Di - 7 March 2012 - in
Chi, a casa propria, si ostina ad utilizzare un browser datato, con tutti i problemi di compatibilità e sicurezza che ne derivano? Se si esclude Internet Explorer, tutti gli altri browser disponibili dispongono di un sistema di aggiornamento semplificato, che permette quindi di migliorare di giorno in giorno la sicurezza del proprio software. Sul posto di lavoro la situazione è ben diversa. Ne è testimonianza il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti.

Hilary Clinton, Segretario di Stato degli USA, ha recentemente annunciato l’aggiornamento dei browser a Internet Explorer 8 nei computer del Dipartimento di Stato. Ricordiamo che la versione stabile di IE 8 è stata rilasciata il 19 marzo 2009 ed, essendo i tempi della tecnologia molto rapidi, è già un browser datato, anche se ampiamente utilizzato in quanto è l’ultima versione di Internet Explorer compatibile con Windows XP. Potrei dilungarmi in un discorso circa gli aggiornamenti del software di Microsoft, ma non è questo lo scopo dell’articolo.

Abbiamo appurato che il Dipartimento di Stato Americano dispone delle versioni 6 e/o 7 di Internet Explorer, in quanto si tratta dell’unico browser completamente compatibile con il Sistema IT interno. Possiamo dedurne che le falle di sicurezza possono essere molte. Tuttavia anche tra i dipendenti del Dipartimento di Stato Americano vi sono alcuni dotati di senno: dallo scorso mese, infatti, si è cominciato ad introdurre l’utilizzo di Google Chrome per coloro che non sopportano il browser di Redmond.

L’adozione di Chrome da parte dell’organo di governo statunitense è un passo importante per Google, segno che le cose potrebbero cambiare, che nemmeno le aziende, gli enti e gli organi pubblici si fermano al già impacchettato Internet Explorer, ma vanno oltre, vogliono di più. Si tratta pertanto di una sconfitta per Redmond e di una battaglia vinta per Google, per lo meno in ambito browser.

Via | Engadget

Leave a Reply

Mattia Migliorini Articolo scritto da

Studente di informatica presso l'Università di Padova, web designer, amante di Linux e dell'open source in generale. Membro di Ubuntu e di 2viLUG, da gennaio 2012 è collaboratore di Engeene.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: