[Chrome OS] GLX TFP funzionante per LLVMpipe

Di - 29 October 2011 - in


Vi abbiamo già parlato in passato del lavoro che gli ingegneri di Google stanno portando Avanti per integrare l’estensione GLX_EXT_texture_from_pixmap in Gallium3D e, più precisamente, Intel Gallium3D driver e LLVMpipe.
GLX_EXT_texture_from_pixmap è un’estensione che permette di usare un color buffer contemporaneamente per il rendering e per il texturing ma, soprattutto, per legare un costrutto grafico (drawable) X11 ad una texture.

LLVMpipe è il driver per l’accelerazione grafica basata su software di Gallium3D. Esso entra in azione quando non ci sono driver disponibili per la GPU.
Questo driver è un miglioramento rispetto al classico software di rasterizzazione di Mesa con Gallium3D, in quanto fa uso di LLVM per la generazione efficiente degli shader e ha il vantaggio di poter usare core CPU multipli e funzioni varie delle CPU moderne come ad esempio SSE2/SSE3.
Per quanto veloce sia tuttavia LLVMpipe non lo è in modo sufficiente da riuscire a far girare vecchi giochi OpenGL come ad esempio ioquake3 nemmeno con le CPU più moderne. Tuttavia grazie a GLX_EXT_texture_from_pixmap, esso potrebbe comunque essere in grado di gestire alcuni effetti grafici dei compositor di finestre. Questo scenario è naturalmente quello in cui non esistano driver per la scheda grafica, come spesso avviene nel caso di schede grafiche vecchie.

Ora, grazie al contributo di uno sviluppatore chiamato Stéphane Marchesin, pare che il lavoro degli sviluppatori Google di Chrome/Chromium, possa essere implementato, benché senza supporto DRI.
Chi è curioso può trovare il codice nel Git di Mesa.
Tutto lascia sperare che la prossima release di Mesa includerà questa funzione così importante per gli utenti Linux che montano schede grafiche di vecchia generazione o non supportate.

Via | Phoronix

Leave a Reply

Gabriele Visconti Articolo scritto da

Editor in Chief per Engeene.
Appassionato di Linux, FOSS, videogame e, da poco, di cucina. Parla quattro lingue ed ama leggere libri in lingua inglese.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: