Chrome porta Flash in Linux

Di - 5 July 2012 - in

La settimana scorsa è stato rilasciato Chrome 20 stabile, introducendo per lo più bug fix e aggiornamenti di sicurezza. Gli utenti che più di tutti possono essere lieti di questo aggiornamento sono coloro che utilizzano Linux come sistema operativo.

L’ aggiornamento introduce infatti anche in Linux il supporto per Adobe Flash Player essendo ciò reso possibile dal plugin Pepper (PPAPI), implementato solo nei browser Chrome e Chromium.

Si tratta naturalmente di un grande vantaggio per gli utenti Linux che da sempre hanno problemi con Flash Plugin, soprattutto negli ultimi tempi, dato che Adobe è sul punto di abbandonare il supporto per questo sistema operativo.

Il supporto è garantito quindi da Google per le architetture x86 e x86_64, quindi per tutti gli utenti Linux che vogliono utilizzare Chrome.

L’importanza di questo aggiornamento però non si limita a questo né tanto meno ai soli utenti Linux. In precedenza abbiamo già evidenziato il fatto che questo rilascio si è focalizzato sulla stabilità e sulla sicurezza del browser. Sono ben 13, infatti, i bug fix di livello alto che riguardano sia stabilità che sicurezza, sebbene uno di questi coinvolga i soli utenti Windows.

Per soddisfare la curiosità di coloro che ci seguono riveliamo l’ammontare dei compensi offerti dalla società di Mountain View agli esterni che hanno contribuito a trovare i bug riguardanti la sicurezza del browser. 8000 dollari è la cifra che riguarda questo aggiornamento e rappresenta il compenso per otto dei bug di livello alto citati in precedenza. Altri 3500 dollari sono stati conferiti a due collaboratori per aver scovato un bug di livello alto e uno di livello medio legati ad un contesto più ampio rispetto a Chrome, ma che interessa quest’ultimo da vicino.

Via | PhoronixChrome Releases

Leave a Reply

Mattia Migliorini Articolo scritto da

Studente di informatica presso l'Università di Padova, web designer, amante di Linux e dell'open source in generale. Membro di Ubuntu e di 2viLUG, da gennaio 2012 è collaboratore di Engeene.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: