Chrome Web Store: in marzo saranno bloccate le app con manifest V1

Di - 15 February 2013 - in

Lo scorso anno è stato introdotto il manifest V2 per le applicazioni ed estensioni presenti nel Chrome Web Store. Questo nuovo standard ha introdotto molte novità rispetto alla versione precedente, tra le quali miglioramenti alla sicurezza e alle API. In particolare ricordiamo l’introduzione delle Content Security Policy in via predefinita. Con il rilascio di Chrome 18 il manifest V1 è stato deprecato ufficialmente, assieme alla pubblicazione di un dettagliato supporto sui piani futuri riguardanti queste decisioni, per permettere agli sviluppatori di adeguarsi alle novità che venivano introdotte e migrare alla seconda versione del manifest.

Se già allora era stato caldamente consigliato agli sviluppatori di adattare le proprie applicazioni ed estensioni ai nuovi standard, tra non molto questo diventerà un obbligo. Il 4 marzo 2013, infatti, tutti gli elementi presenti nel Chrome Web Store che utilizzano il manifest V1 saranno bloccate. O, meglio, ne saranno bloccati gli aggiornamenti, almeno finché non sarà introdotto il passaggio al manifest V2.

Per quanto ciò possa essere visto come limitante o come un’imposizione, in realtà porta notevoli vantaggi per gli utenti al prezzo di un po’ di lavoro da parte degli sviluppatori (ma in fondo è il loro lavoro, no?): Google può così garantire una maggiore sicurezza sulle applicazioni installate dallo store e al tempo stesso permette agli sviluppatori stessi di migliorare le prestazioni delle estensioni. Insomma, tutti ci guadagnano, soprattutto gli utenti.

Gli sviluppatori, comunque, non sono lasciati a loro stessi: Google offre loro un ottimo tutorial per sostenerli nella migrazione e altri canali di supporto come il forum e la pagina Google+.

Via | Chromium Blog

Leave a Reply

Mattia Migliorini Articolo scritto da

Studente di informatica presso l'Università di Padova, web designer, amante di Linux e dell'open source in generale. Membro di Ubuntu e di 2viLUG, da gennaio 2012 è collaboratore di Engeene.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: