Chromecast porta i contenuti web sulla TV

Di - 30 July 2013 - in
Post image for Chromecast porta i contenuti web sulla TV

Colazione con Sundar Pichai” è stata l’occasione in cui Google ha presentato al pubblico il nuovo Nexus 7. Il tablet nato dalla partnership con Asus presenta poche novità rispetto alla concorrenza. Perfino Android, ora giunto alla 4.3 sempre in stile Jelly Bean, non ha avuto molta presa sul pubblico. Ad attirare tutte le attenzioni è in realtà un piccolo dispositivo, molto simile ad una chiavetta USB, chiamato Chromecast. Dimensioni ridotte, grande funzionalità: permetterà di guardare i contenuti web direttamente sulla propria TV.

Lo stick è lungo appena 5 centimetri ed è dotato di presa HDMI grazie alla quale si può connettere ad una televisione HD. La filosofia fondamentale è la semplicità. Non sarà più necessario collegare ingombranti box alla TV, configurare il router o dotarsi di costose SmartTV per vedere i contenuti video della rete.Grazie al ChromeCast il tutto è facile e veloce.

La chiavetta, dotata di una versione minimale di ChromeOS, sfrutta le potenzialità della piattaforma cloud di Google. Ad usufruire di una maggiore e migliore integrazione sono i servizi di streaming dell’azienda di Mountain View (Music, Movies e Youtube) oltre a Netflix. Quindi nessuna nuova interfaccia da studiare alla ricerca della migliore configurazione o telecomando dedicato. Si collega il dongle e si scelgono i contenuti a partire da qualunque dispositivo dotato del browser Chrome.

Per i sistemi Android o iOS la riproduzione sarà controllata direttamente dal dispositivo, così come il volume. Basta selezionare un filmato dall’app Youtube ed in alto si ritroverà un nuovo pulsante che permette di avviare la riproduzione sulla TV. In automatico vengono riconosciuti diversi ChromeCast che si possono denominare a piacere. Quando sulla televisione si avvia il filmato si potrà fare qualunque altra cosa con il proprio dispositivo, sia esso tablet o smartphone.

Mentre si sta guardando un video assieme ai propri amici in salotto, si può spegnere lo schermo per conservare la carica della batteria oppure rispondere all’ultima email ricevuta. Si possono creare delle playlist che saranno gestite automaticamente o attraverso un altro dispositivo. Basta collegarsi con un secondo smartphone/tablet al ChromeCast ed il gioco è fatto. Chi ha avviato le danze potrà facilmente allontanarsi, la scaletta sarà gestita dal nuovo arrivato.

Oltre che per i filmati il servizio è molto utile per la musica, si sfrutterà appieno il sistema di casse collegato alla TV. Durante la presentazione si è potuta vedere all’opera anche l’app Pandora, una delle prossime sul catalogo dei software suportati. Gli sviluppatori che vogliono inserire la funzione sul proprio software possono farlo attraverso la Google Cast SDK, disponibile fin da subito. Basta inserire poche righe di codice alla propria app, per iOS, Android o Chrome.

Il denominatore comune è il browser realizzato da Google che permette di controllare il flusso, audio o video, anche da PC desktop o portatili. È anche presente, per ora in beta, una funzione che consente di inviare il contenuto di ogni scheda aperta sul proprio browser. In questo caso è visibile solo il contenuto e niente di più, nemmeno la barra dell’indirizzo.

Si può dire che questa sia la risposta di Google all’Air Play di Apple che non richiede hardware aggiuntivo. Chromecast risulta più flessibile della controparte ma deve essere alimentato attraverso una porta USB da una fonte esterna. Magari in futuro si potrà trovare questa funzione su alcuni dispositivi, per il momento lo stick viene venduto ad un prezzo accessibile: 35 dollari. Nei prossimi mesi si dovrebbero avere ulteriori notizie della commercializzazione in Italia.

Fonte | OMG Chrome, TechCrunch

Leave a Reply

Emanuele Boncimino Articolo scritto da

Web designer, sviluppatore, tech specialist ed Android Guru: sono gli obiettivi che vorrebbe raggiungere nel lungo termine. Mantiene un ottimo grado di conoscenza del mondo racimolando news estere. Sempre alla ricerca di sfide che possano nutrire la propria mente: Engeene è tra queste.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: