Come incrementare il CPC in AdSense

Di - 28 March 2013 - in
Post image for Come incrementare il CPC in AdSense

In AdSense si sente spesso parlare di CPC, ma cos’è esattamente il CPC e come posso incrementarlo?  Il CPC è quanto noi guadagniamo per un click. Nel caso in cui noi guardiamo il rapporto di una giornata, il CPC rappresenta il valore medio dei click, quindi se in una giornata abbiamo due click uno di 0.02 euro e uno di 0.50 euro il CPC della giornata sarà (0.02 + 0.50)/2.0=0.26 euro.

Alcune domande che ci siamo posti tutti è:

  • Ma qual’è il CPC medio di AdSense?

  • Che valore di CPC devo raggiungere per essere sicuro che il mio sito sia ben ottimizzato?

Purtroppo non esiste una risposta sicura e sempre corretta per queste domande, infatti il CPC dipende davvero da molti fattori. Vediamone alcuni:

L’argomento di cui tratta il tuo sito.

Ci sono degli argomenti che pagano poco e quindi se il tuo sito tratta questi argomenti sarà praticamente impossibile avere CPC alti. In questi casi non è difficilissimo vedere CPC medi da 0.02 o 0.01. Purtroppo quando questi sono i valori medi si parte davvero scoraggiati, e l’unica è cercare di agire sul CTR (quindi far aumentare il numero di click ogni 1000 impression), che comunque è una pratica sempre consigliata.

Ci sono invece degli argomenti che pagano davvero molto. Ho visto CPC medi sopra 1 euro ed in questo caso non serve avere migliaia di visite al giorno per fare un bel gruzzoletto, ma se sappiamo ottimizzare bene il sito possiamo toglierci davvero delle gran belle soddisfazioni.

Le conversioni che porta il nostro sito

Innanzitutto, come ho già spiegato nell’articolo “AdSense, come guadagnare con i canali targhetizzati” è indispensabile rendere i nostri canali visibili agli inserzionisti, dopodiché, col passare del tempo, gli inserzionisti potranno valutare se i click che partono dal nostro sito convertono bene, cioè se il visitatore che ha fatto click nel sito, ha fatto poi degli acquisti. Se su 100 visite dal nostro sito l’inserzionista avrà 50 vendite è chiaro che punterà maggior denaro sulla pubblicità nel nostro sito, e quindi il nostro CPC aumenterà. Questo comportamento non è facilmente alterabile, ma ci sprona a fare un sito navigabile e di alta qualità in modo che le persone che lo visitano siano realmente interessate a quello che trattiamo (non che ci arrivino per caso) e quindi le pubblicità a tema siano di vero interesse e  portino alle conversioni. A tal proposito vi consiglio di guardare questo video che è in inglese ma sottotitolato in italiano ed è molto interessante.

La posizione dei nostri ads nelle nostre pagine

Anche questa l’abbiamo trattata in un altro articolo e precisamente in “AdSense: dimensioni e posizione degli ads influenzano il guadagno?

Dobbiamo sapere che il primo articolo che viene visualizzato in ordine HTML è quello che ha il CPC maggiore, quindi dobbiamo verificare quale insieme di annunci è il più cliccato (quindi ha il CTR più alto) e metterlo al primo posto come HTML, senza però spostare fisicamente la posizione visiva dell’annuncio, e questo si può fare tramite i CSS.

Adoperare le dimensioni grandi degli ads ed inserire sia formato immagini che testo

Gli ads di dimensioni maggiori attraggono più l’attenzione e generano generalmente più click quindi si alza il CTR. Ma perché qui diciamo che alza il CPC? Semplicemente per il fatto che spesso in questi formati (il 336×280 in primis) contengono filmati, immagini o annunci testuali che occupano l’intero spazio e chiaramente per occupare l’intero spazio l’inserzionista è disposto ad impostare un CPC più alto.

Utilizzare nella pagina le parole coerenti che pagano di più

Questo argomento merita un articolo a parte che farò più avanti. In breve sintesi, esistono molti modi per dire le stesse cose, esistono diverse parole con lo stesso significato. Il trucco sta nell’utilizzare le parole pagate meglio ma lasciando il significato della frase uguale. L’utente deve comprendere ciò che legge, ma due frasi con lo stesso significato potrebbero generare introiti molto differenti.

Vi lascio anche un altro interessantissimo filmato da non perdere!

Come trovare le parole che pagano maggiormente? Lo vedremo nella prossima puntata, rimanete in ascolto!

 

Leave a Reply

Mauro Gadotti Articolo scritto da

Mauro Gadotti lavora come programmatore dal 1992 ed è specialista nei prodotti pubblicitari di Google sia per il mondo dei publisher (AdSense) che degli inserzionisti (AdWords). Ha aperto il suo primo account AdSense nel 2004 e quello AdWords nel 2005. Ama lo sci e la pesca che pratica col figlio Mattia. Autore del libro: Come AdSense può cambiarti la vita.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: