Con Hangouts, Google interrompe il supporto ad XMPP

Di - 23 May 2013 - in
Post image for Con Hangouts, Google interrompe il supporto ad XMPP

Come sapete, una delle piú importanti novità consumer presentate durante il Google I/O è stato Google Hangouts, il nuovo sistema di messaggistica istantanea che sostituisce Talk, Hangout e Google+ Messenger fornendo finalmente una piattaforma unificata.

Caratteristica particolare e da molti davvero apprezzata in Google Talk era il supporto per XMPP, protocollo su cui di fatto era basata l’intera rete di messaggistica proposta da Google. XMPP, noto anche commercialmente come Jabber, è un protocollo di comunicazione basato su XML che consente la creazione di sistemi di chat via Internet. I sistemi XMPP sono molto pratici da utilizzare, in quanto il protocollo rende possibile la creazione di reti indipendenti ma intercomunicanti. Il fatto che poi si tratti di un protocollo Open Source, permette di creare facilmente client universali in grado di collegarsi a tutte le reti XMPP.

Il supporto ad XMPP ha permesso a molti di utilizzare Talk da telefoni sui quali l’app non era presente, o da sistemi operativi (Linux, Mac) che non avevano l’applicazione desktop fornita da Google. Inoltre attraverso client di terze parti, permetteva ad utenti Talk di comunicare con utenti di altre reti XMPP.

Il rapporto di Google con XMPP, come sempre accade nei rapporti tra Google e il mondo dell’Open Source, non è stato a senso unico: XMPP ha regalato a Google una struttura robusta e pratica per la sua messaggistica, mentre Google ha regalato alla comunità XMPP un’estensione del protocollo, chiamata Jingle, che ha aggiunto il supporto per le chiamate audio/video, prima assente e necessario per Talk.

Molti, me compreso, credevano che Google avrebbe mantenuto a lungo il supporto per questo protocollo, e alcuni addirittura azzardavano ipotesi di un supporto ufficiale alla comunicazione con utenti di altre reti, magari anche quella di Facebook (anch’essa basata su XMPP). Già da anni pubblicavo come mio contatto Jabber la mia email GMail, al posto del mio vecchio account su jabber.linux.it.

È stato quindi davvero triste, per tanti utenti, vedere come provando a contattare utenti di altre reti XMPP da Hangouts, il tentativo sia miseramente fallito: gli indirizzi XMPP non sono piú riconosciuti.

Talk è ancora in piedi, ed è perfettamente utilizzabile e interoperante con Hangouts. È quindi ancora possibile contattare gli utenti Google che ancora lo utilizzano via XMPP. Non è per ora dato però di sapere per quanto tempo resterà ancora in piedi, e non sarebbe la prima volta che un servizio in disuso viene dismesso.

Certamente la maggior parte degli utenti non noterà la differenza: la maggior parte di chi ha un account XMPP lo ha senza saperlo, utilizzando Talk o Facebook, e Facebook utilizza XMPP in maniera non troppo aperta verso l’esterno. Ma in ogni caso, con tristezza, d’ora in poi dovremo annoverare Hangouts tra i servizi di comunicazione chiusi in sé stessi, contro la logica stessa della comunicazione, accanto a Microsoft Skype ed innumerevoli altri. Davvero spiacevole.

Via | Slashdot

Leave a Reply

Lorenzo Breda Articolo scritto da

Studente di Informatica a Roma, si occupa di programmazione web sopratutto lato server, e di accessibilità del web. Utilizza e ama Debian GNU/Linux, e si interessa di fisica, fumetto, trekking e fotografia (gli ultimi due possibilmente abbinati). Collabora con Googlab da aprile 2012.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: