Controllare il computer in remoto con Chrome

Di - 14 November 2012 - in

Un anno fa Google ha lanciato Chrome Remote Desktop in beta, permettendo così di accedere ai computer in remoto tramite Chrome. Ciò torna molto utile, in quanto permette, per esempio, di lavorare su un computer fisso stando comodamente seduti sul divano o sul letto, semplicemente utilizzando un portatile.

Ora questo servizio è stato rilasciato come stabile e vi sono state aggiunte alcune interessanti funzionalità, tra cui il real time audio feed, che permette di ascoltare la musica presente in un computer diverso da quello che si sta utilizzando. Purtroppo questa funzionalità è disponibile solamente per Windows, ma confidiamo che arrivi presto anche in altri sistemi.
Inoltre, è ora possibile effettuare il copia-incolla tra il computer locale e quello remoto, una funzionalità che facilita sicuramente l’esperienza utente.

Stephen Konig, Product Manager di Google, ha focalizzato l’attenzione, per quanto riguarda questo strumento, sul nuovo Samsung Chromebook, evidenziando come sia possibile, tramite esso, navigare all’interno del computer di casa in remoto. Sembra scontato, ma per un Chromebook questo è molto utile, poiché lo spazio su disco non è molto e può tornare piuttosto comodo utilizzare uno spazio aggiuntivo e diverso dal cloud. Chi non si sente sicuro nel salvare i propri dati sul cloud, poiché così escono dal proprio controllo, può così trovare una valida alternativa.

Google sta lavorando molto per aggiungere nuove funzionalità a Chrome Remote Desktop e noi vi aggiorneremo non appena queste saranno pronte e disponibili.

 

Via | Google Chrome Blog

Leave a Reply

Mattia Migliorini Articolo scritto da

Studente di informatica presso l'Università di Padova, web designer, amante di Linux e dell'open source in generale. Membro di Ubuntu e di 2viLUG, da gennaio 2012 è collaboratore di Engeene.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: