Custom Rom, si aggiorna Aroma Installer

Di - 26 June 2013 - in
Post image for Custom Rom, si aggiorna Aroma Installer

La maggior parte delle persone che utilizza Android si sarà scontrata almeno una volta con le magiche parole Custom ROM, una versione modificata del sistema operativo mobile di Google. Spesso le personalizzazioni sono poche ed in genere rispecchiano l’esperienza che il modder o il team ha alle spalle. Cyanogenmod, MIUI e Paranoid Android sono soltanto alcuni gruppi più famosi che realizzano, talvolta, versioni più efficienti dell’OS.
In questi casi si rischia di avere tra le mani un prodotto che nella forma e nella sostanza assomiglia più a prodotti della concorrenza: la ROM MIUI, ad esempio, è stata creata ispirandosi ad iOS. Quando ci sono in gioco giocatori di questo calibro le informazioni per l’utente sono molto dettagliate e in genere si rischia poco con lo smartphone.

Dato che Android è la madre delle personalizzazioni come sistema operativo, molti utilizzatori di ROM alternative si aspettano di avere a disposizione determinati strumenti di specifiche applicazioni, così come qualche pezzo originale creato dal produttore hardware del terminale. Tutte queste pretese degli utenti non fanno che complicare il lavoro degli sviluppatori amatoriali. Questi poveri martiri si sono trovati in passato a creare progetti paralleli di una stessa ROM, nel tentativo di assecondare la frangia dei puristi (stock launcher) e degli ultra-trasformisti. Il risultato appariva come un vero disastro per chi si univa da poco a questo fantastico mondo, dato che si aumentava esponenzialmente il numero dei file zip da flashare.

Una soluzione a tutto questo è AROMA Installer realizzato dallo sviluppatore amarullz molto conosciuto su XDA, patria dei modder. Questo strumento permette di decidere cosa installare durante il flash di una ROM.

Si immagini di voler utilizzare la versione stock di Android ma inserire software presente su alcune ROM proprietarie (come la funzionalità Beats Audio tipica dei dispositivi HTC). Se si aggiunge a tutto ciò l’intenzione di cancellare una applicazione, ad esempio la tastiera stock, e sostituirle con un’altra, ad esempio quella realizzata da Sony, si capisce appieno la portata del problema.

Queste operazioni effettuate a caldo, con Android in esecuzione, potrebbero essere piuttosto complicate. Di contro lo sviluppatore di una ROM dovrebbe realizzare tanti pacchetti quante sono le opzioni disponibili; risultato: un lavoro estenuante e non sempre funzionante! Con AROMA Installer si ha la possibilità di scegliere cosa installare prima del flash definitivo. Quando si accede alla recovery e si sceglie la rom da installare, se presente l’installer, si avrà una comoda interfaccia che guiderà l’utente nel processo di scelta delle opzioni.
Grazie a questo strumento si possono inserire anche più moduli alternativi che incrementano le funzionalità (come Beats Audio, il Bravia Engine, lo Z-Ram, ecc…).

Lo strumento è molto utile ai modder provetti o più esperti che non vogliono creare più pacchetti d’installazione del loro lavoro. Amarullz ha da poco aggiornato questo utile tool, aumentando la compatibilità con nuovi dispositivi, così come la stabilità e le performance della suite. Il lavoro dello sviluppatore si è focalizzato anche su un’altro tool che può essere utilizzato direttamente da recovery ovvero l’AROMA File Manager.

Fonte | XDA

Leave a Reply

Emanuele Boncimino Articolo scritto da

Web designer, sviluppatore, tech specialist ed Android Guru: sono gli obiettivi che vorrebbe raggiungere nel lungo termine. Mantiene un ottimo grado di conoscenza del mondo racimolando news estere. Sempre alla ricerca di sfide che possano nutrire la propria mente: Engeene è tra queste.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: