Da HP un Chromebook da 14 pollici

Di - 31 January 2013 - in

Il tanto pubblicizzato Windows 8 non ha avuto il successo che Microsoft si aspettava e sperava, ma al contrario una quantità di vendite pari o persino inferiori al flop di Windows Vista. Questo è quindi un momento ottimo per lanciarsi alla conquista del mondo desktop e uno dei concorrenti è proprio Google con il suo Chrome OS. Al momento attuale infatti i produttori si stanno man mano divincolando dalla stretta dipendenza da Microsoft alla ricerca di sistemi alternativi basati sul kernel Linux. Da una parte le vere e proprie distribuzioni GNU/Linux, da Ubuntu a OpenSUSE, dall’altra il sistema operativo di Google che lancia l’utente in una dimensione fortemente orientata al web.

L’ultima novità arriva da HP, che vuole lanciarsi nel mercato dei Chromebook e affiancare così Acer, Samsung e Lenovo con un dispositivo da 14 pollici chiamato Pavillion Chromebook. Questo sarebbe il primo dispositivo con Chrome OS ad avere un display di grandi dimensioni, a differenza degli attuali modelli da 11.6 pollici. Non cambia invece la risoluzione dello schermo, che rimane sui 1366×768 pixel. Il processore sarà un Celeron da 1.1GHz, accompagnato da 2GB di RAM e 16 GB di SSD. La vera novità è quindi la dimensione del display, che permette di godere delle applicazioni web-based di Google senza rinunciare alla comodità di un grande monitor, che va ad influenzare anche le dimensioni della tastiera.

Ricordiamo che oltre ai Chromebook, piccoli laptop a basso costo, esistono anche le Chromebox che portano la dimensione del web anche nel desktop. Per il momento non si hanno maggiori informazioni sul dispositivo di HP, ma il 17 febbraio comincerà la campagna pubblicitaria, quindi potremo trovare una risposta alle nostre domande nel giro di un paio di settimane.

Via | 9to5Google

 

Leave a Reply

Mattia Migliorini Articolo scritto da

Studente di informatica presso l'Università di Padova, web designer, amante di Linux e dell'open source in generale. Membro di Ubuntu e di 2viLUG, da gennaio 2012 è collaboratore di Engeene.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: