Dart: preparazione al primo rilascio stabile

Di - 11 November 2013 - in
Post image for Dart: preparazione al primo rilascio stabile

Manca ormai veramente poco al rilascio della prima versione stabile di Dart e fervono i preparativi per il grande evento. Questi preparativi non interessano però esclusivamente il team ufficiale, bensì tutti gli sviluppatori che hanno già contribuito con le loro librerie alla costruzione della community e nell’articolo di oggi vedremo cosa sono chiamati a fare questi sviluppatori al fine di rendere compatibili le librerie (pub packages) con la versione 1.0 di Dart.

+Seth Ladd, Dart Dev Rel presso Google, in un post su Google+ ha compilato una lista di istruzioni che gli sviluppatori sono chiamati a seguire per assicurarsi che le loro librerie siano conformi alle specifiche della versione 1.0:

  1. Aggiornare l’editor e l’SDK ad una versione uguale o maggiore di 0.8.10+6
  2. In pubspec.yaml, vincolare le versioni dell’environment e delle dipendenze, come negli esempi seguenti
    environment:
        sdk: ">=0.8.10+6 <2.0.0"`

    oppure

    depedencies:
        analyzer: >=0.10.1 < 0.11.0
        everything else: >=0.9.0 < 0.10.0

    Specificare i limiti (superiore ed inferiore) della versione di una dipendenza serve fondamentalmente a proteggere la propria libreria da futuri aggiornamenti delle sue dipendenze che potrebbero corromperla

  3. Testare la libreria e fixare eventuali errori
  4. Incrementare la versione della libreria.

    Se la versione della libreria è superiore o uguale a 1.0.0 allora va aggiunto 0.1.0 se viene introdotta una nuova feature o 0.0.1 nel caso di un bugfix.

    Se la versione è invece inferiore a 1.0.0 allora va aggiunto 0.1.0 in caso di un breaking change, altrimenti va aggiunto 0.0.1

  5. Pubblicare la libreria su Pub

In conclusione ricordiamo che gli sviluppatori di Drone.io — servizio di integrazione continua molto popolare fra gli sviluppatori Dart di cui abbiamo parlato in un articolo — hanno annunciato in un tweet di essere “pronti” a testare sui canali Stable e Dev i progetti che si avvalgono del loro servizio.

Fonti | +Seth Ladd @droneio

Leave a Reply

Claudio d'Angelis Articolo scritto da

Programmatore e studente di Informatica, appassionato di musica, web e sistemi UNIX. Collabora con Googlab dall'Ottobre 2012.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: