Dart Synonym: traduzioni in JavaScript e C#

Di - 21 November 2012 - in

Quando si impara un nuovo linguaggio di programmazione, una delle prime domande che ci si pone è: nella risoluzione di un problema, quali sono affinità e divergenze con gli altri linguaggi conosciuti?

L’applicazione di cui ci occupiamo oggi risponde in modo chiaro e semplice a questa domanda.

Dart Synonym, nata da un’idea proposta durante un Google Hackaton, affianca snippet di codice Dart ai corrispettivi in Javascript o C#, classificandoli in macro e micro sezioni:

Citiamo alcune fra le attività presenti al momento in Synonym:

  • Incorporazione del codice
  • Entry point del codice
  • Controllo della disponibilità del linguaggio
  • Definizione di una libreria
  • Uso di una libreria
  • Creazione e valorizzazione di una variabile
  • Arrays
  • Ordinamento personalizzato
  • Insiemi di elementi unici non ordinati
  • Queueing
  • Interpolazione di stringhe
  • Blocchi if-then-else
  • Definizione di una funzione
  • Valore di ritorno
  • Parametri opzionali
  • Looping
  • Classi
  • Manipolazione del DOM
  • Espressioni regolari
  • Gestione degli errori
  • Funzioni matematiche

Sono molti i vantaggi che derivano da una vista comparativa di questo tipo: l’utente non solo potrà tradurre in Dart, ma potrà rendersi conto di quanto sia familiare il linguaggio, quali siano i vuoti colmati da Dart e di quanto sia effettivamente moderno l’approccio allo sviluppo di web app.

L’applicazione è open source ed accetta contributi degli utenti, la repository si trova su GitHub.

Fonte news.dartlang.org

Leave a Reply

Claudio d'Angelis Articolo scritto da

Programmatore e studente di Informatica, appassionato di musica, web e sistemi UNIX. Collabora con Googlab dall'Ottobre 2012.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: