Diritti Umani: una pagina ufficiale YouTube per sensibilizzare le coscienze

Di - 29 May 2012 - in

Giovedì 24 maggio 2012 è stata aperta la versione beta del canale di YouTube dedicato ai Diritti Umani.

Questo nuovo canale vuole essere un punto di aggregazione per le organizzazioni umanitarie e, in tal senso, verrà gestito dagli enti WITNESS e STORYFUL, noti per essere il primo un leader mondiale nell’ambito di video relativi ai Diritti Umani e il secondo un agglomerante di notizie di pari ambito.

Naturalmente questa non è la sola via per trovare video relativi al (mancato) rispetto dei Diritti Umani, infatti molte associazioni di attivisti hanno già precedentemente utilizzato YouTube come mezzo per mostrare, ad un vasto e variegato pubblico, le immagini di ciò a cui spesso sono stati testimoni: i più di 100.000 video caricati, relativi alla rivoluzione egiziana degli inizi del 2011, sono un esempio lampante.

Sempre più spesso poi, e soprattutto negli ultimi anni, abbiamo assistito ad eventi che la stampa definisce elegantemente “Primavere”, dove si assiste a grandi numeri tra morti e feriti, con una quantità non sempre precisata di prigionieri: prigionieri di guerra, prigionieri politici, prigionieri “atipici” perché semplicemente nel posto sbagliato al momento sbagliato.

In casi come questi, non c’è nè Stato, nè Politica che possano definirsi al di sopra delle parti: tutti in misura differente hanno provveduto a firmare il Grande Libro delle Usurpazioni dei Diritti Umani, alcuni anche più e più volte.

Poter mostrare a quante più persone possibile che cosa accada nei vari campi di prigionia (noti e non), o nelle carceri (note e non), o infine nella piazza principale di un qualche paesino sperduto nel “deserto del Vattelapeschistan”, con rispetto per chi ci abita, diventa una necessità impellente per ricordare che, ancora oggi, vincere è troppo spesso sinonimo di soverchiare, tiranneggiare e abusare.

Abusare appunto: come di tanti accadimenti non legati a fatti di guerra o rivoluzione, ma a più semplici convivenze familiari, a volte addirittura solo condominiali, che chissà come si trasformano in tragedie.
Abusi su donne, minori, diversamente abili e anziani.
Bullismo nelle scuole, nei quartieri e negli uffici.
Discriminazioni sessuali sul lavoro e non.
Non è più necessaria una guerra per trovare abusi, ne abbiamo a bizzeffe direttamente sotto casa (e a volte anche IN casa purtroppo).

Il nuovo canale per i Diritti Umani di YouTube, presentato ufficialmente durante la “Internet at Liberty Conference“, conterrà sia filmati relativi a tutti questi argomenti, sia link ai canali delle specifiche organizzazioni, che pubblicano già da tempo – ma individualmente – informazioni utili e documentari su accadimenti che facilmente potrebbero rimanere sconosciuti.

Le organizzazioni Storyful e Witness si occuperanno in particolare l’una di verificare la fondatezza delle fonti e l’altra di assicurare una specie di parcondicio alle problematiche presentate; in Google+ la pagina +Human Rights è già accessibile e potrà essere usata per tenersi aggiornati, partecipare a discussioni e contribuire con informazioni e materiale.

Nota pratica : per far pubblicare qualcosa nel canale di YouTube, si dovrà scrivere una email a witness@storyful.com riportando l’url del video che vorreste venisse aggiunto. Nella email si dovranno specificare anche i vari dettagli, come il titolo, il contesto, il luogo, quando è stato realizzato il filmato ed eventualmente anche da chi, tutelandone sempre l’incolumità!

VIA | YouTube official blog

Leave a Reply

Laura Germana Vailati Articolo scritto da

Nata e cresciuta a Milano, dal cui caos si separa sempre con difficoltà, lavora per una multinazionale americana (no, non Google!). Condivide il suo tempo libero con una mamma, un compagno, due felini, tanti libri (piú di 3000 volumi. Di carta), tanta musica (piú di 2000 vinili), parecchi film e qualche buon amico di vecchissima data. A 16 anni le dissero che l'informatica non era la sua strada. All'epoca ci credette. E fece malissimo!

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: