GitHub rilascia come open source il codice di Atom

Di - 7 May 2014 - in
Post image for GitHub rilascia come open source il codice di Atom

Avevamo già avuto modo di parlare di Atom, il text editor modulare realizzato dal team di GitHub, rilasciato qualche settimana fa in beta chiusa. Ora GitHub ha deciso di aprire le porte alla comunità degli sviluppatori, rilasciando il codice di Atom.

Per lo più su GitHub si può trovare codice open source, nella forma di migliaia di progetti ai quali chiunque può contribuire. Si tratta del cuore pulsante dell’azienda, in fondo, e Atom, sul quale gli sviluppatori di GitHub hanno lavorato per anni, non poteva essere da meno.

In realtà la quasi totalità dei moduli di Atom era già stata rilasciata, ma con l’ultimo post sul blog ufficiale, GitHub ha annunciato il rilascio sotto licenza MIT del codice relativo alla parte centrale di Atom, oltre che del gestore di pacchetti e di tutta la parte basata su Chrome.

L’applicazione centrale, Atom Core, contiene tutto quello che non è compreso nei moduli ed è suddivisa in librerie per facilitarne lo sviluppo ed il mantenimento. Atom Package Manager è la parte di codice che si occupa di gestire i moduli presenti su Atom.io, anche se nei piani di GitHub è previsto lo sviluppo della possibilità di creare i propri repository. In ultimo c’è Atom Shell, ovvero l’interfaccia vera e propria basata su Chrome Embedded Framework.

Al momento Atom è disponibile solo per OSX, ma le versioni per Linux e Windows non dovrebbero tardare ad arrivare. Il team è costantemente al lavoro sul miglioramento delle performance e delle API e l’apertura di tutto il codice non può che dare un’ulteriore spinta verso il rilascio della versione 1.0.

Fonte | Atom blog

Leave a Reply

Jacopo Rabolini Articolo scritto da

Technical lead e fondatore di Engeene. Si occupa di web design e web development nel tempo libero. Vorrebbe farne la sua professione. Ama il web, la tecnologia, lo spazio, i Lego, Doctor Who e un sacco di altre cose che gli hanno valso a volte l'appellativo di Nerd e altre quello di Geek.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: