Google acquista Viewdle e punta sul riconoscimento facciale

Di - 3 October 2012 - in

Stando a ciò che è stato riportato in un articolo di Forbes, la scorsa settimana Google avrebbe acquistato la società ucraina Viewdle. L’azienda in questione è specializzata nello sviluppo di tecnologie legate alla realtà aumentata ed il riconoscimento automatico dei volti durante il tag delle foto, in particolar modo nel settore degli smartphone. Non è chiaro quanto l’azienda sia costata a Google, ma secondo il suddetto sito la cifra oscillerebbe tra i 30 ed i 45 milioni di dollari.

Viewdle aveva già rilasciato una sua app per Android, SocialCamera, ossia un’applicazione che permetteva di taggare i propri amici direttamente dal cellulare, per poi condividere istantaneamente le foto tramite Facebook, Flickr, MMS o email. L’azienda, tra le sue altre applicazioni, ha sviluppato l’SDK del riconoscitore facciale, sia per Android che iOS.

Dalla traduzione di una parte dell’articolo pubblicato da Forbes, si evince che, prima di Google, anche Motorola sembrava particolarmente interessata all’acquisto di Viewdle. Già in passato Viewdle appariva come un’azienda promettente nel settore degli smartphone, e sembra che Motorola fosse tra gli investitori anonimi interessati alla società. Sappiamo che a maggio del 2012 Motorola è stata acquistata da Google, e dopo un  breve periodo nel quale Viewdle era stata posta nel dimenticatoio, Google stessa ha deciso di investire nell’azienda ucraina.

Cosa voglia trarne Google da Viewdle non è ancora stato rivelato. Tuttavia si può supporre che il sistema di tagging sviluppato da tale società possa rivelarsi utile per apportare future migliorie a quello attuale di Google +,  integrandolo per esempio allo scatto di una foto da un qualsiasi dispositivo Android. Per quanto riguarda invece le tecnologie dedicate alla realtà aumentata, è impossibile non pensare ad un coinvolgimento diretto tra Viewdle e lo sviluppo dei Google Glasses.

Fonte | 9TO5GOOGLE 

Leave a Reply

Riccardo Rizzo Articolo scritto da

Studente di informatica a Padova, appassionato di tecnologia, videogiochi e musicista a tempo perso.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: