Google compra Titan Aerospace

Di - 15 April 2014 - in
Post image for Google compra Titan Aerospace

Dobbiamo ammettere che questa notizia ci ha lasciati un po’ spiazzati. Contrariamente a quanto avevamo scritto in un nostro precedente articolo, in cui vi abbiamo presentato anche un’infografica che metteva a confronto Project Loon, i palloni aereostatici di Google, con i presunti droni di Facebook provenienti da Titan Aerospace, non è stata quest’ultima ad acquisire l’azienda, bensì proprio Google.

Stando ad un articolo del Wall Street Journal, gli ingegneri di Titan si unirebbero al team attualmente al lavoro proprio su Project Loon per fornire una maggiore connettività alle persone di tutto il pianeta. A pensarci bene questa mossa ha più che senso, avendo i due sistemi specifiche e costi piuttosto differenti. Un uso combinato potrebbe quindi portare a risultati migliori.

E Facebook? Nelle intenzioni dell’azienda di Zuckerberg la strada relativa ai droni è ancora viva e vegeta. Secondo quanto affermato da Bloomberg, Facebook avrebbe infatti acquistato Ascenta per una cifra che si aggira sui 20 milioni di dollari. L’azienda inglese si occupa della realizzazione di droni alimentati ad energia solare, in grado di rimanere in volo per molto tempo e si posiziona quindi come un concorrente di Titan Aereospace.

Nonostante tutto sembra che i cieli diventeranno comunque teatro di “scontri” tra le due aziende, anche se rimane ancora un nodo molto importante da sciogliere relativo alla legislazione per l’uso commerciale dei droni, problema che potrebbe rivelarsi non di semplice soluzione, visto e considerato che l’intento è quello di farli volare in tutto il  mondo.

Fonte | Wall Street Journal, Bloomberg

Leave a Reply

Jacopo Rabolini Articolo scritto da

Technical lead e fondatore di Engeene. Si occupa di web design e web development nel tempo libero. Vorrebbe farne la sua professione. Ama il web, la tecnologia, lo spazio, i Lego, Doctor Who e un sacco di altre cose che gli hanno valso a volte l’appellativo di Nerd e altre quello di Geek.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: