Google e Motorola Mobility, acquisizione confermata

Di - 23 May 2012 - in

È ufficiale: Larry Page conferma con soddisfazione l’acquisizione di Motorola Mobility Holdings Inc.
Il nuovo CEO Motorola sarà Dennis Woodside, dirigente Google di lunga esperienza già responsabile della penetrazione e della crescita della compagnia nei mercati di Medio Oriente, Africa, Europa dell’Est e Russia ed attualmente uno dei Senior Vice President

Woodside ha formato un nuovo team “di transizione” comprendente l’ex VP di Google Consumer Marketing Gary Briggs, Regina Dugan, ex capo di DARPA, Vanessa Wittman ex CEO di Marsh&McLennan e Mark Randall ex VP delle vendite di Amazon tra gli altri, oltre ad alcuni elementi già presenti nell’organigramma di Motorola.

Il processo di acquisizione della società, il più importante finora sostenuto da Google, ebbe inizio ad agosto 2011. Prima di andare a buon fine dovette sottostare a numerosi controlli da parte degli organi preposti statunitensi, poi dell’Unione Europea, a febbraio scorso, e dopo altri tre mesi venne approvato anche dalla Cina. Google, insieme a Motorola Mobility, otterrà anche la proprietà dei 17.000 vari brevetti detenuti dalla compagnia telefonica e si prenderà carico inoltre di eventuali liti pendenti.

Page sottolinea come Motorola sia una grande compagnia innovativa che ha creato il primo cellulare e si trova da sempre in prima linea nella rivoluzione della telefonia mobile. Avendo scommesso precocemente su Android, Motorola è ora diventata un partner di eccezionale valore per Google. Molti utenti che sono sul punto di affacciarsi su Internet potrebbero adottare direttamente il mobile senza neppure usare un pc desktop ed è per questo motivo che è un buon momento per essere nel business del mobile.

Google è storicamente nel campo dei servizi e prodotti software ma con la nuova acquisizione si spingerà nel territorio complementare dell’hardware. Sono quindi in molti a domandarsi quali saranno le prossime mosse strategiche e quali innovazioni porterà questo matrimonio. Ad ogni modo Google ha assicurato il pubblico che si dedicherà maggiormente allo sviluppo di Android aumentando la competizione per offrire più scelte all’utente finale.

via|theverge.com

Leave a Reply

Roberta Ranzani Articolo scritto da

Lifelong learner affascinata dal Web e dalla possibilità d'allacciare infinite Connessioni. Ama cucinare, i libri, la musica, le arti visive, i gatti e l'Affabulazione.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: