Google investe nel solare in Sud Africa

Di - 20 June 2013 - in
Post image for Google investe nel solare in Sud Africa

Google è il sito più visitato al mondo, ma oramai etichettarlo come “motore di ricerca” è davvero riduttivo. Il suo impegno e sviluppo va dalle Mappe alle traduzioni, dallo shopping all’open source per non parlare di piattaforme ormai diventate veri e propri colossi come Android e Chrome. In un ottica di espansione, l’impegno verso le energie rinnovabili è da considerarsi un passo quasi necessario. Dopo l’investimento di oltre 200 ml$ in Texas, per la realizzazione di 70 turbine eoliche, il gigante di Mountain View ha chiuso un accordo da 12 ml$ per la realizzazione di un impianto fotovoltaico da 96 megawatt in Sud Africa.

Il sito per la realizzazione di questo impianto chiamato Jasper Power Projet è stato individuato nella provincia del Northern Cape del Sud Africa, una zona estremamente rurale e che gode di una percentuale di insolazione media elevatissima. Un punto ideale per realizzare un impianto fotovoltaico di grandi dimensioni dunque. La sua realizzazione è frutto di uno sforzo congiunto tra Google, investimenti pubblici del governo locale e varie cordate di finanziatori tra i quali la Banca per lo sviluppo del Sud Africa.

Il sito del Jasper Power Project

La realizzazione di un impianto fotovoltaico nasce dalla necessità di sopperire alla grande carenza di energia elettrica di questo grande paese dell’Africa. Una carenza che ha portato a numerosi Blackout energetici, con tutti i pericoli e le conseguenze nell’aspetto sociale ed economico che questo comporta. Ma laddove il Governo del sud Africa e la Banca per lo Sviluppo vedono una opportunità di risolvere un problema del breve e medio termine, Google ci vede invece anche uno sviluppo di opportunità economiche e produttive. Questo non è cinismo, ma realismo, ben sapendo che nessun progetto che non produca un valore aggiunto finirebbe per fallire. Tuttavia l’impegno di Google è andato ben oltre. L’obiettivo è quello di reinvestire il ritorno stimato di 26 ml$ (più del doppio del capitale investito) in progetti di sviluppo economico, rurale, educativo ed in altre imprese in loco.

Tecnici fotografati durante la realizzazione del progetto.

Il Jasper Power Project produrrà un numero considerevole di nuovi posti di lavoro in una zona ad altissimo tasso di disoccupazione, sia in modo diretto, per la realizzazione, manutenzione e mantenimento dell’impianto, e sia in modo indiretto tramite il ritorno degli investimenti dirottato verso  nuove imprese e progetti affini e contigui.

L'impianto a pieno regime è in grado di fornire energia per 3000 case

La realizzazione di questo impianto potrebbe essere il punto cardine di un progetto su larga scala di questo grande paese. Entro il 2030 infatti, il Sud Africa si è impegnato a voler produrre 18 gigawatt di energia rinnovabile (anche eolica) laddove in tutta l’Africa il totale dei gigawatt derivanti da energia rinnovabili sarebbe di 44 gigawatt, andando a coprire di fatto, quasi la metà del totale continentale.

Google ha investito circa un miliardo di dollari in progetti di sviluppo nelle energie alternative, sostanzialmente divisi in modo simile tra eolico e solare. Un investimento che punta ad abbattere le emissioni di anidride carbonica nel pianeta, ma che rappresenta comunque un investimento economico e sociale che altrimenti non avrebbe le stesse prospettive ottimistiche. Ad oggi, Big G è la prima compagnia al mondo in investimenti riguardanti energie alternative o rinnovabili.

Articoli correlati:

Leave a Reply

Dario Mola Articolo scritto da

Da sempre con la passione per l'informatica e le nuove tecnologie. Con l'universo Android è stato un vero colpo di fulmine, un progetto che seguo dalla versione 1.6 passando per tutte le Major Release successive. Mi piace andare a scovare applicazioni poco note per portarle alla ribalta, è un pò come contribuire alla crescita dell'ecosistema Android filtrando le applicazioni più valide e meritevoli. Appassionato di sport, scacchi, cucina e libri.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: