Google I/O 2013 – Day 1

Di - 16 May 2013 - in
Google I/O 2013

Spero che tutti abbiate seguito il live blogging di ieri, quindi non sto a tediarvi con la lista delle nuove feature presentate, ma vi riporto le mie impressioni.

Prima di tutto ho sentito tutti entusiasti delle feautre presentate. Tutti quelli che all’I/O non c’erano.

Personalmente sono abbastanza contento di tutto quello che hanno presentato, niente di fantastico e futuristico come i Google Glass lo scorso anno, ma comunque una serie di feature che sono più tangibili per tutti e sommate, a mio parere, sono più importanti per questo prossimo anno.

All’I/O si è respirata molto l’aria di insoddisfazione, molti si aspettavano qualche cosa di eclatante su Android ( la parte Game è stata vista da molti come qualche cosa di gia visto, ma portato su backend Google) e si aspettavano che venissero presentati un Nexus white con LTE, un Nexus 7 bis, uno smartwatch, una qualche conferma su Glass, insomma qualche cosa di eclatante.

Non è stato così. Niente ci ha tolto il fiato.

Tantissimi non hanno gradito che il Chrome Pixel sia stato il device in regalo per gli IOers (non l’ho ancora ritirato che c’era l’After I/O Party, domani lo ritiro e poi vi faccio l’unboxing), anche perchè molti hanno sollevato la seguente questione:

“…su Chrome OS non posso sviluppare per Android e non posso fare altre mille cose… non è un pc per sviluppatori”

Non sono d’accordo. È vero che non si può sviluppare per Android, è vero anche che non si può sviluppare in .Net, ma non ho sentito questa motivazione.

Comunque, buona parte è disinformazione. Fosse stato un’anno e mezzo fa, gli avrei dato ragione.

ChormeOS era acerbo, troppo consumer, ma i consumer avevano i loro netbook Windows ed erano completamente a posto. Ora la situazione è diversa; non completamente una developer machine, ma un buon 70% lo si può fare.

Penso di averlo già detto anche in qualche articolo, io abbraccio moltissimo la filosofia del paperless e del Cloud, quindi mi sono trovato ad avere un Pc in cui ho installato solo Chrome e IDE specifiche per le mie esigenze. Nient’altro.

Chrome ha una quantità sempre crescente di Packaged Apps che fanno le cose più disparate, photo editing, video editor, text editor con highlight basilare, shell, riproduzione musica, word processing, etc. e il 90% delle cose che posso fare con il mio Chrome Dev per Windows le posso aver anche in ChromeOS (mi hanno segnalato che i profili non sembrano essere supportati in ChromeOs, ma devo ancora confermare).

Quindi mancano solo le IDE di sviluppo. Chi è uno sviluppatore sa come sono complicate le IDE di sviluppo, quindi è difficile che si riesca a trovare/fare una packaged App per sviluppare. Se si è sviluppatori Web non ci sono probemi, già esistono, ma per molti altri prodotti Google (cominciamo con questi) è impossibile sviluppare con il solo ChromeOS.

Ci sono cambiamenti nell’aria, come confermato dal talk The Chrome Packaged Apps State of the Nation che consiglio di guardare appena disponibile in streaming, quindi lascio questo treaser  e continuo con gli altri punti interessanti.

Android Studio

Nuova IDE, dimenticatevi Eclipse, passiamo a una versione di IntelliJ ottimizzata per lo sviluppo Android. Un pò come già fatto per Dart, abbiamo una IDE per lo sviluppo che parte da un tool più “generico” e che Google ha customizzato per lo sviluppo Android.

Perchè IntelliJ e non Eclipse?

Suppongo che le motivazioni siano tendenzialmente le seguenti:

  • IntelliJ ha fatto un grossissimo lavoro sulla IDE per rendere lo sviluppo di Android più confortevole;
  • IntelliJ è una IDE più giovane di Eclipse, quindi meno complicata;
  • Negli ultimi 6/12 mesi c’è stato un’hype nella community internazionale di sviluppatori Android che è passata a IntelliJ, e molti per ragequit di Eclipse.

Non ho ancora avuto modo di provare la versione Android Studio, quindi non mi sbilancio, ma sono certo che lo sviluppo sarà differente.

Android Gaming

Niente di particolarmente nuovo rispetto a quando già “trapelato” dall’analisi delle librerie dell’appliazione MyGlass, l’abbiamo visto alla prova (nella presentazione è crashato perchè i presenti stavano saturando la banda WIFI… ma vi assicuro che allo stand dove usavano la connessione Ethernet, tutto funzionava a meraviglia). Se siete degli sviluppatori di Games per Android, sapete a chi fare gestire il vostro backend e molto delle interazioni con i player; lato consumer niente di nuovo e interessante… ci sono già giochi che implementano queste funzionalità e architetture in maniera proprietaria.

Google Maps

Disponibile in preview agli IOers e richiedibile da http://maps.google.com/preview/, presenta un nuovo layout simile a quello implementato su Maps per iOS, che utilizza WebGL e introduce delle nuove modalità di utilizzo delle mappe che le rendono più “personali”.

L’ho provata velocemente per cercare i mezzi per muovermi domani; funziona, è fluidissima e molto più focalizzata sulla richiesta che ho fatto.

Personalmente penso siano queste le grosse novità presentate nel keynote, ma non sono le uniche presentate oggi; ma ne parlerò in dettaglio nei prossimi giorni, quando ci sarà più tempo.

P.S. Google Plus Web… Avete avuto più tempo di me per utilizzarlo, quindi penso sappiate già tutto 🙂 (usato 30 minuti e a me piace moltissimo).

Leave a Reply

Articolo scritto da

Techy, sviluppatore .Net per professione, sviluppatore Android per passione. All Around Android Lover e Google Enthusiast

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: