Google Mine: condividere opinioni su acquisti e oggetti desiderati

Di - 26 June 2013 - in
Post image for Google Mine: condividere opinioni su acquisti e oggetti desiderati

Google è alle prese con la realizzazione di un nuovo prodotto in grado di presentare alle cerchie di Google+ gli oggetti che si posseggono o si vorrebbero avere. In linea con la filosofia dell’azienda di Mountain View, si potrà scegliere di condividere uno o più oggetti con un amico o con un’intera cerchia sul social network Google Plus. Le potenzialità di Mine non si fermano qui, tanto è vero che si potrà inserire una piccola recensione, dei consigli e persino delle foto degli oggetti, dando vita al passaparola digitale.

Non sarà più necessario scendere in piazza o nel cortile e mostrare l’ultimo acquisto fatto: da oggi si potrà utilizzare direttamente Google+. Con Mine basterà inserire e condividere il prodotto con gli amici che si vuole. Da lì si potranno dare una serie di consigli, fare delle constatazioni o lasciarsi andare a delle critiche sull’ultimo acquisto dei propri amici. Inoltre si potrà sfruttare la funzionalità anche per segnalare gli oggetti dei desideri, molto utili alle persone care che vogliono stupire con un regalo ma non sono al corrente dei gusti del festeggiato.

Le azioni disponibili sono innumerevoli e se combinate tra loro diventano praticamente infinite. Sembra molto probabile l’integrazione con altri servizi dell’universo Google, come Shopping o Offers. Cosa c’è di meglio dopo qualche consiglio sugli acquisti che comprare l’oggetto di cui si è discusso in precedenza? Mine viene al momento testato all’interno dell’azienda di Mountain View, così come la corrispettiva applicazione mobile denominata Bazaar (nome più esplicativo del fine proposto). La condivisione degli oggetti dovrebbe essere realizzata anche in forma privata e non pubblica, consentendo uno scambio di opinioni tra alcune persone soltanto. Si potrà comunque ricercare gli oggetti di cui si vuole sapere di più. Una funzione interessante è l’inserimento di un visualizzatore 3D (Katamari) che utilizza le librerie WebGL.

Via | GoogleOperatingSystem

Leave a Reply

Emanuele Boncimino Articolo scritto da

Web designer, sviluppatore, tech specialist ed Android Guru: sono gli obiettivi che vorrebbe raggiungere nel lungo termine. Mantiene un ottimo grado di conoscenza del mondo racimolando news estere. Sempre alla ricerca di sfide che possano nutrire la propria mente: Engeene è tra queste.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: