[Google Plus] 62 milioni di utenti e oltre

Di - 29 December 2011 - in

Vi abbiamo già parlato di Paul Allen, imprenditore statunitense e appassionato di statistiche relative a Google+. Allen, attraverso il suo metodo di calcolo, aveva stimato con buona accuratezza, il raggiungimento dei 43 milioni di utenti per il social network di Google.
Ora ecco arrivare nuove stime e nuovi dati, che ci dicono che Google+ ha raggiunto i 62 milioni di utenti.

Prima  dell’apertura di Google+ al grande pubblico, avvenuta verso la fine di settembre, e il conseguente picco di iscrizioni, sembrava che la crescita si fosse un po’ calmata. Successivamente all’apertura però, la crescita degli utenti di Google+ è stata continua e costante.
Le motivazioni, data la mole dei numeri e delle strategie in campo, sono davvero difficili da decifrare.
Sicuramente le continue migliorie apportate a Plus e la maggior integrazione con il resto dell’universo dei prodotti Google, come YouTube, Gmail o Reader ad esempio, hanno contribuito a rendere il social network di Google un elemento ricorrente in ogni contesto in cui Google è presente.

A tutto questo aggiungiamo l’effetto Android che, con le sue 700000 attivazioni giornaliere, rappresenta di sicuro un importante fattore di traino per Google in generale e per Plus in particolare.

Ma veniamo ai dati veri e propri.
Secondo Paul Allen la progressione dell’utenza all’interno di Google+ è in costante crescita.
A partire da Luglio di quest’anno infatti abbiamo visto aumenti costanti del numero di iscritti.
Nel suo articolo Allen ci fornisce i seguenti dati:

  • 13 Luglio: 10 milioni di utenti
  • 1 Agosto: 20,5 milioni di utenti
  • 1 Settembre: 24,7 milioni di utenti (il 20 settembre Google+ apre le iscrizioni a tutti)
  • 1 Ottobre: 38 milioni di utenti (il 13 Ottobre Larry Page annuncia il superamento dei 40 milioni)
  • 1 Novembre: 43 milioni di utenti
  • 1 Dicembre: 50 milioni di utenti
  • 27 Dicembre: 62 milioni di utenti
  • 1 Gennaio 2012: 65,8 milioni di utenti (utenti previsti)
  • 1 Febbraio 2012: 85,2 milioni di utenti (utenti previsti) 
Ora, il dato importante è che ci sono 625000 nuove iscrizioni a Google+ ogni giorno. 
A questo ritmo entro Febbraio gli utenti di Google+ saranno 100 milioni, mentre raggiungeranno i 200 milioni entro Agosto. Se proseguiamo con questo conteggio vedremo che entro la fine del 2012 questo numero arriverà a 293 milioni.
Nonostante la cifra sia davvero importante, anche se ancora lontana dagli 800 milioni di Facebook, Paul Allen ci suggerisce che la crescita potrebbe persino dimostrarsi più grande.
Oltre al già citato traino da parte di Android, anche la comunità degli sviluppatori contribuirà alla crescita di tutto il sistema. Va precisato che per il momento gli sviluppatori hanno un accesso limitato alla piattaforma di Google+, rappresentato solo da alcune API. Con il tempo e con nuovi rilasci, c’è da aspettarsi che questa situazioni si vada a modificare ulteriormente, ad esempio offrendo la possibilità di costruire applicazioni specifiche per l’utilizzo all’interno di Google+.
In definitiva Paul Allen stima che entro la fine del 2012 gli utenti all’interno del social network di Google, arriveranno a toccare quota 400 milioni!
Sicuramente una cifra che può rimettere le carte in tavola nella partita dei social network dominata, almeno per il momento, da Facebook.

Personalmente ritengo che Google possa contare su un ecosistema di prodotti e servizi davvero a 360°. Non dimentichiamo che Google+ sta diventando uno strato quasi invisibile che permea ogni prodotto o servizio di Mountain View.
Le armi in mano a Google sono quindi davvero numerose e, anche se Facebook può contare su un vantaggio enrome in termini di utenza, le strategie che queste permettono di portare a compimento sono un sicuro vantaggio per Google.

Via | Paul Allen post su Google+

Leave a Reply

Jacopo Rabolini Articolo scritto da

Technical lead e fondatore di Engeene. Si occupa di web design e web development nel tempo libero. Vorrebbe farne la sua professione. Ama il web, la tecnologia, lo spazio, i Lego, Doctor Who e un sacco di altre cose che gli hanno valso a volte l’appellativo di Nerd e altre quello di Geek.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: