[Google Plus] Google si aggiorna a Plus

Di - 8 July 2011 - in

Uno dei principali eventi che hanno caratterizzato il web in questi ultimi giorni, è stato senza dubbio l’esordio di Google Plus. Al di là delle considerazioni che si possono fare su questo strumento, è indubbio quanto Google stia puntando sul nuovo servizio, tanto da renderlo un punto centrale del proprio universo di applicazioni e siti.

Subito dopo il lancio, abbiamo di fatto potuto assistere ad un graduale cambiamento, ancora in atto, di molti dei servizi di Google.
In primis un nuovo layout della home page storica di Google, con la barra nera in alto e la voce +Tu comparsa a sinistra. L’interfaccia in questo caso non è cambiato poi molto, solo il colore della barra e forma e colore dei classici pulsanti sotto la casella di ricerca. Quello che più mi ha colpito è stato un cambiamento avvenuto dopo il lancio di Google+. In alto a destra, vicino alle opzioni e all’accesso al proprio account, è comparsa una piccola sezione dedicata alle notifiche e alla condivisione di Google+.

La stessa sezione è sempre visibile sulla barra, a patto che abbiate ricevuto un invito per entrare in Google+ che per il momento è ancora in beta chiusa, ma il fatto che sia visibile anche nella home della ricerca è, a mio avviso, un cambiamento significativo.
Con questa semplice aggiunta ora possiamo, nella home di Google, fare una cosa differente dal “semplice” cercare qualcosa in rete. Se pensiamo agli sforzi di Google per velocizzare e agevolarci nell’utilizzo del suo box di ricerca, questa mi pare una deviazione da quello che è stato il principale focus di Google da sempre e una chiara indicazione di quanto venga ritenuto importante l’ambito social.

Ma questo cambiamento non è l’unico. Molti servizi stanno subendo una trasformazione del layout atta ad uniformarsi all’aspetto di Google+. Ad esempio Calendar ha un nuovo aspetto disponibile per tutti da subito. Il nuovo aspetto interessa solo l’estetica e non ha minimamente influenzato il suo funzionamento, ne mi risulta ci siano stati problemi di sorta in tal senso, ma se avete casi da segnalarmi fatelo pure nei commenti.

Anche Gmail subirà un totale re-design dell’interfaccia. Utilizzo il futuro perchè al momento per poter utilizzare la nuova interfaccia occorre impostare uno dei due temi messi a disposizione, andando nella sezione relativa. Per impostare il tema cliccate sull’icona a forma di ingranaggio in alto a destra, quindi selezionate Impostazioni Gmail>Temi e scegliete uno dei due temi che trovate in basso, ovvero Anteprima o Anteprima(dense).
Altri due servizi che stanno subendo modifiche sono Picasa e Blogger
Per quanto riguarda Picasa le modifiche non sono solo estetiche. Se è vero che già ora qualche piccolo ritocco volto ad uniformarne l’immagine con gli altri servizi è già stato fatto, la modifica più importante la vedremo nei prossimi giorni. Picasa infatti modificherà il proprio nome diventando Google Photos
I cambiamenti in Picasa però non si limitano a questo. Le opzioni di condivisione sono già state modificate per adattarsi al nuovo meccanismo delle Cerchie. Andando a condividere un album, ci troveremo di fronte una schermata che ci richiederà di scegliere, come avviene in Google+, con quali cerchie vogliamo condividere le nostre foto, mentre la sezione dei commenti alle singole immagini è già stata unificata con quella di Google+.
Anche per Blogger è previsto un cambio di nome. come avverrà per Picasa, il servizio muterà nome in Google Blogs, andando a rinforzare ulteriormente il brand di Google. 
Oltre a questo, anche l’interfaccia è stata modificata, andandosi anch’essa ad uniformare allo stile di Google+. 
L’aggiornamento dei nomi di Picasa e Blogger avverrà probabilmente il 31 Luglio, giorno in cui Google renderà tutti i profili pubblici. Con una mossa a sorpresa Google ha infatti dichiarato che entro quella data chi non desidera avere un profilo pubblico dovrà cancellarlo, mentre tutti i profili rimanenti verranno resi pubblici di default. Questa iniziativa potrebbe coincidere con l’apertura di Google+ al grande pubblico, anche considerando il fatto che gradualmente gli inviti vengono rilasciati a sempre più persone.
Chiaramente l’intenzione di rendere tutti i profili pubblici non è piaciuta a molti, anche se viene da chiedersi a cosa serva un profilo, se non è pubblico.

Leave a Reply

Jacopo Rabolini Articolo scritto da

Technical lead e fondatore di Engeene. Si occupa di web design e web development nel tempo libero. Vorrebbe farne la sua professione. Ama il web, la tecnologia, lo spazio, i Lego, Doctor Who e un sacco di altre cose che gli hanno valso a volte l'appellativo di Nerd e altre quello di Geek.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: