[Google Plus] Nuove impostazioni di privacy per le fotografie

Di - 9 September 2011 - in

Google ha appena introdotto una novità riguardante la condivisione delle fotografie in Google+.
Fino ad ora le fotografie o gli album fotografici condivisi su Google+ erano per definizione pubblici.
Ora Google ha introdotto la possibilità di bloccare la condivisione di un album.

Inizialmente le persone che avevano accesso alle fotografie potevano condividerle, taggare le persone visibili sulle fotografie, menzionare le persone taggate, e così via.
Per questo motivo, personalmente, ho sempre condiviso fotografie o album su Google+ per i quali non avrei avuto nessun problema nel vederli pubblicati liberamente sul web. Questo significa in sostanza nessuna fotografia di amici, conoscenti o familiari.

Questa nuova funzione trasforma praticamente un album come se fosse in “sola lettura”.
Il blocco può essere fatto in due modi.

Dalla pagina delle fotografie in Google+ :

1. Cliccate su I tuoi album
2. Cliccate un album che desiderate bloccare
3. Cliccate sull’indicatore dei permessi di visualizzazione (per esempio Pubblico, Con restrizioni, ecc..)

4. Cliccate sulla spunta Bloccare questo album

L’album è ora bloccato. Se volete in seguito sbloccarlo vi basta ripetere le operazioni elencate sopra e cliccare sulla spunta Album bloccato

Dallo stream di Google+ :

1. Individuate un vostro post contenente le fotografie che volete bloccare
2. Cliccate sul pulsante delle opzioni relativo al post e scegliete Blocca questo post

In entrambi i casi vedrete apparire la parola bloccato a fianco della dicitura relativa alla restrizioni che avete impostato per il post.
Da notare che la funzione di blocco dallo stream è disponibile per tutti i tipi di post e non solo per quelli contenenti foto.

Leave a Reply

Gabriele Visconti Articolo scritto da

Editor in Chief per Engeene. Appassionato di Linux, FOSS, videogame e, da poco, di cucina. Parla quattro lingue ed ama leggere libri in lingua inglese.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: