Google Search e la fine della ricerca come la conosciamo

Di - 16 May 2013 - in
Post image for Google Search e la fine della ricerca come la conosciamo

Google ha annunciato, nel primo giorno della sua conferenza annuale dedicata agli sviluppatori, il famoso Google I/O, importanti novità che vederemo presto disponibili sulla quasi totalità dei suoi prodotti.

Google sa bene che è necessario spingersi sempre oltre e migliorare in continuazione i propri servizi, anche quelli che appaiono ormai scontati, come ad esempio il suo popolarissimo motore di ricerca web.

Rispondere alle ricerche degli utenti non significa solo fornire risultati pertinenti nel più breve tempo possibile, ma anche e soprattutto supportare l’utenza in tutte le situazioni, a prescindere dal tipo di dispositivo usato.
Google, proprio oggi, sta disegnando e rilasciando il search engine del futuro, capace di dare risposte e non solamente “link ad esse”, in grado di interfacciarsi con gli utenti in linguaggio naturale e di anticipare le loro richieste.

“Computer…”

Un buon punto di partenza per raggiungere questi ambiziosi obiettivi è senza ombra di dubbio la ricerca vocale, già sperimentata sui dispositivi mobili e presto alla portata di pc e laptop tradizionali grazie al browser Chrome.
L’interfaccia vocale del sistema potrà non solo accettare interrogazioni ma anche, in un futuro forse non così lontano, rispondere alle domande ricevute consentendo una modalità di utilizzo dello strumento del tutto nuova e che forse potrà rappresentare una vera rivoluzione nella fruizione tecnologica.

Il grafico della conoscenza

Esattamente lo scorso anno fu poi introdotto Knowledge Graph, un sistema in grado di mettere in relazione diversi tipi di dati e di capire le parole degli utenti: in questa prospettiva sono ora supportati il Polacco, Turco ed il Cinese tradizionale e semplificato.

Graph cerca anche di ipotizzare, sulla base di una domanda, quelle future mostrando anche il risultato di altre query pertinenti a quella appena eseguita: per esempio se ci interessa conoscere qual è la popolazione dello Stato del Canada, Knowledge Graph mostrerà nella stessa finestra anche una comparazione con California ed Australia o con altre interrogazioni inerenti alla precedente.

Esempio di Knowledge Graph con ricerche correlate

Google Now

Importanti e di rilievo le news introdotte in questo strumento che cerca di offrire, in ambito mobile, sempre le giuste risposte alla giusta tempistica e che assolve sempre di più al ruolo di assistente personale. Google ha rilasciato una nuova funzionalità reminder che consente non solo di appuntare note ed appunti con la propria voce ma anche di mostrarli ad una data o ad un luogo preciso.
Per esempio la lista della spesa è un tipo di informazione che deve essere mostrato quando l’utente entra nel supermercato, (a prescindere dall’orario di arrivo), mentre la sveglia che ricorda l’orario di un biglietto aereo deve attivarsi in un preciso istante temporale.

Nuove schede per Google Now

Promemoria tra le schede di Google Now

Tutte queste novità contraddistingueranno a brevissimo la nuova search experience unificata offerta da Google e siamo sicuri che contribuiranno a rendere l’utilizzo del motore di ricerca ancora più veloce, semplice ed efficace.

Via | Official Google Search Blog

Leave a Reply

Andrea Testa Articolo scritto da

Laureato in Comunicazione Digitale, curioso ed affascinato dall'informatica, specialista Google Apps. Sviluppatore software, ama tutto ciò che si manifesta sotto forma di intelligenza, tecnica ed innovazione, come il web e l'open source.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: