Grafici personalizzabili con Our Mobile Planet

Di - 8 November 2012 - in

Think Insight è un servizio messo a disposizione da Google che offre numerosi approfondimenti di marketing, ricerche di settore e tendenze dei consumatori. In altre parole, Think Insight permette di rimanere sempre aggiornati sull’evoluzione dei digital media, e tutte le informazioni necessarie ci vengono fornite dalle Research Libraries di Google, ossia i loro database contenenti studi, video e grafici inerenti ad analisi di mercato effettuate in tutto il mondo.

Tra le suddette Research Libraries troviamo Our Mobile Planet, servizio che permette di analizzare ogni singolo aspetto attorno al commercio e all’utilizzo degli smartphone. Statistiche di mercato hanno dimostrato che, nella vita di tutti i giorni, gli smartphone sono oramai diventati uno strumento indispensabile per molte persone. Per questo Google, assieme alle due aziende Ipsos OTX e Media CT, ha deciso di approfondire la ragione per cui l’utilizzo di uno smartphone ha trasformato l’approccio degli utenti da un uso orientato alla fruizione di contenuti multimediali, ad un utilizzo per rimanere sempre connessi al web e al mondo che ci circonda.

Gli approfondimenti che offre Google con Our Mobile Planet, si concentrano quindi sul come uno smartphone si integri nella vita di tutti i giorni, offrendo dati molto importanti per sviluppatori e inserzionisti. Ciò che Google mette in evidenza è che oggigiorno gli smartphone sono presenti in ogni istante della giornata, e vengono utilizzati dalla maggior parte dei consumatori come strumento per l’accesso ad internet, l’acquisto di beni online e la ricerca di locali, negozi e località. Ed essendo così presenti, gli annunci pubblicitari legati al mondo mobile funzionano, venendo notati dalla maggior parte degli utilizzatori, e di cui una buona percentuale acquista poi il prodotto pubblicizzato.

Ma come è possibile vedere nel dettaglio tutti questi aspetti? Analizzare i dati relativi all’uso e all’adozione di uno smartphone è semplice ed intuitivo, grazie ai grafici personalizzabili che Our Mobile Planet ci offre, al fine di comprendere rapidamente i più disparati comportamenti del consumatore mobile.

Il primo passo per creare un grafico è scegliere il paese, o i paesi, da analizzare. In seguito è possibile scegliere il comportamento dei consumatori tramite una dettagliata lista suddivisa in sei gruppi principali:

  • Dettagli ed uso degli smartphone.
  • Uso di Internet mobile.
  • Attività principali.
  • Pubblicità per cellulari.
  • Ricerca locale su mobile.
  • Acquisti da cellulare.

Ognuno di questi gruppi contiene numerosi parametri che, una volta selezionati, compaiono direttamente nel grafico presente nella pagina web. Quest’ultimo può poi essere comodamente salvato nel proprio hard disk, per essere riutilizzato in un secondo momento. Gli ultimi fattori selezionabili sono infine l’anno da cui ricavare le analisi e l’età ed il sesso dei consumatori.

Il servizio offerto da Google è ottimo per la sua semplicità e velocità di utilizzo, rendendo possibile la creazione di grafici dettagliati nel giro di pochi minuti. Tuttavia alcuni dati non si rispecchiano in quelli pubblicati da altre analisi di mercato. Per esempio, rifacendoci ai dati divulgati dal sito kantar world panel rieferiti ai vari sistemi operativi più utilizzati, vediamo che le informazioni di Our Mobile Planet differiscono di molto.

Dal primo grafico, contenente i dati di kantar world panel, Android risulta l’os più utilizzato in Francia e Germania, mentre nel grafico creato con Our Mobile Planet, riferito agli stessi paesi, iOS si dimostrerebbe come il sistema operativo più in voga. Per quanto il servizio di Google sia comodo e veloce, i dati contenuti nel database devono essere utilizzati con cautela e verificando prima da fonti al momento più attendibili, onde evitare fraintendimenti ed analisi scorrette.

Fonte | Our Mobile Planet 

Leave a Reply

Riccardo Rizzo Articolo scritto da

Studente di informatica a Padova, appassionato di tecnologia, videogiochi e musicista a tempo perso.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: