iGoogle finirà in soffitta

Di - 4 July 2012 - in

Sarà per il concept troppo costrittivo, sarà per la realizzazione poco intuitiva, sarà per il prefisso condiviso con prodotti di dubbia qualità, ma iGoogle non è mai piaciuto all’utenza. Seppur fosse un’idea discretamente originale e valida associata al motore di ricerca Google, homepage della maggior parte degli utenti sin dagli albori dell’internet commerciale, non ha mai trovato un suo spazio, un suo vero utilizzo. La situazione è andata peggiorando con l’evolversi dei browser, sempre più personalizzabili.

Questa stessa motivazione è alla base della dichiarazione ufficiale di dismissione di questo servizio: “with modern apps that run on platforms like Chrome and Android, the need for iGoogle has eroded over time“. Attivo dal 2005, iGoogle voleva essere una sorta di homepage personale, personalizzabile con widget, feed rss e vari elementi estetici. Di fatto però il suo campo di utilizzo si sovrapponeva a quello di varie estensioni dei browser più comuni, con la differenza che le sue funzionalità erano ristrette ad una singola pagina e non fruibili ovunque, come le estensioni. Proprio questo vincolo di località non ha mai convinto gli utenti, desiderosi di volare, come galline rinchiuse in un pollaio.

Viene quindi soppresso un servizio che ormai non aveva più alcuna ragione di esistere. Insieme a lui se ne vanno anche prodotti meno noti come Google Mini, Google Talk Chatback e la Search App per Symbian. Nelle pulizie di Google rientra anche Google Video, i cui video verranno uniti a quelli di YouTube, procedura rimandata per anni in memoria di una delle mosse lungimiranti di Google: sviluppare un sistema completo per poi comprarsi il diretto concorrente (YouTube) e sostituirlo integralmente. iGoogle certo non mancherà a nessuno, pecora nera di una famiglia in cui non è mai stato accettato.

Via | Google Operating System

Leave a Reply

Simone Robutti Articolo scritto da

Laureato in Informatica, specializzato in sviluppo web e comunità virtuali, hardcore gamer, flamer per passione.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: