In produzione un nuovo Chromebook touchscreen

Di - 30 November 2012 - in

Con il lancio di Windows 8, Microsoft ha voluto riproporre una versione rivista e modificata di Windows 7 con il fine di inserirsi in maniera più decisa nel mercato dei dispositivi touchscreen. Windows continua ad essere l’OS più utilizzato sui personal computer, ed è per questo che, in quest’ultimo periodo, alcune aziende hanno iniziato a produrre Notebook e PC desktop all in one equipaggiati con schermi touch per sfruttare le potenzialità dell’ultima release del sistema operativo di Microsoft.

Già nel 2009 si vociferava di una versione touchscreen del Chrome OS di Google ma solo ora è apparsa la notizia inerente al lacio di un nuovo Chromebook con schermo tattile  da 12.85 pollici entro i primi mesi del prossimo anno.

L’annuncio è trapelato dalla testata giornalistica online China Times, la quale riporta che i produttori taiwanesi Compal Electronics e Wintek sono stati selezionati rispettivamente per gestire l’OEM e la produzione di pannelli touch. Viene inoltre specificato che l’inizio della spedizione dei materiali è stato previsto per Novembre, in previsione del lancio dei prodotti all’inizio del 2013.

Per questo nuovo Chromebook, Google utilizzerà la laminazione ottica in maniera similare agli smartphone di ultima generazione e agli iMac prodotti da Apple . Tramite questa tecnologia viene laminata la copertura in vetro del display così da eliminare i riflessi di luce, aumentando la nitidezza e la luminosità dello schermo.

Non è ancora chiaro se il prodotto in questione verrà realizzato direttamente da Google o in collaborazione con qualche altra azienda. Per il momento, i Chromebook commercializzati sono stati tutti realizzati assieme a Samsung o Acer. Bisogna dire che i Chromebook sono ancora un prodotto alquanto acerbo, non in grado di competere direttamente con un notebook classico dal punto di vista delle funzionalità. Malgrado siano ottimi per la navigazione in rete, il loro essere incentrati sul cloud può rappresentare un pregio per alcuni ma un difetto per tanti altri, ancora legati al salvataggio dei dati più importanti all’interno dei propri dischi rigidi. Senza contare che la necessità di essere sempre connessi ad una rete internet, possa rappresentare un limite per molti.

A questo punto sorge spontaneo chiedersi quale utilizzo vorrà fare Google del versatile Android su dispositivi appartenenti alla fascia desktop. Sappiamo infatti che l’azienda era al lavoro su una versione modificata di Android da adattare a notebook e netbook e che, data la sua attuale impostazione per tablet e smartphone, già possiede ottime funzionalità touch. Per quanto il Chrome OS possa essere leggero e veloce, una versione desktop Android offre già molte più possibilità di utilizzo e un numero maggiore di applicazioni in continuo sviluppo. Che sia il primo passo verso la tanto attesa fusione dei due sistemi operativi? Dobbiamo aspettarci da Google un annuncio in merito? Leggendo la notizia in questo modo, potremmo pensare di essere di fronte a qualcosa di più che ad un semplice nuovo modello di Chromebook.

L’unica cosa certa è che Google non vuole lasciar spazio a Microsoft ed Apple, e vuole anch’essa imporsi nella produzione di personal computer utilizzabili completamente integrando la dilagante tecnologia touchscreen, che fino a poco tempo fa sembrava relegata all’ambito mobile.

Fonte | THE NEXT WEB 

Leave a Reply

Riccardo Rizzo Articolo scritto da

Studente di informatica a Padova, appassionato di tecnologia, videogiochi e musicista a tempo perso.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: