Invalidato il brevetto Apple sul multitouch.

Di - 8 December 2012 - in

Il brevetto US7479949 è conosciuto anche come “Steve Jobs’ Multitouch Patent” poiché Apple l’ha ottenuto per tutelare la propria tecnologia di riconoscimento del tocco di più dita sullo schermo di un dispositivo e perché Jobs ne fece una specie di cavallo di battaglia.

Tale brevetto è stato considerato come l’arma di distruzione di massa in materia di brevetti poiché era talmente ampio e generico da consentire alla Apple di far causa a chiunque utilizzasse uno schermo multitouch, anche nell’ipotesi che questa tecnologia venisse utilizzata per la gestione dei frigoriferi. Non è un caso, infatti, se Apple l’ha usato nella causa contro Motorola in cui quest’ultima ha avuto ragione.

Il giudice di tale causa, infatti, dichiarò di ritenere invalidi un gran numero di claims di quel brevetto e, per tali ragioni, decise di respingere l’azione promossa dall’azienda di Cupertino.

Sotto certi aspetti, quindi, l’ufficio brevetti americano (USPTO), presso il quale è stato recentemente assunto un ex consulente giuridico di Google, dà ragione all’impostazione del giudice e ha invalidato i claims da 1 a 20 di quel brevetto, poiché è stata riconosciuta una forma di prior art che fa venire meno i presupposti di originalità e innovazione necessari per la registrazione di un brevetto.

Questo ha l’effetto di un vero scossone alla guerra dei brevetti, poiché il brevetto in questione è coinvolto pressoché in tutti i giudizi incardinati da Apple contro i concorrenti, al fine (soprattutto) di tutelare ciò che affermava essere una propria invenzione e, conseguentemente, riservarsi una forma di monopolio sull’uso del multitouch.

Purtroppo per Apple sembra che l’ufficio brevetti abbia iniziato ad aprire gli occhi e (lentamente) stia capendo quanto siano controproducenti simili brevetti, chiesti soprattutto per tutelare proprie posizioni dominanti sul mercato. Infatti, si tratta del secondo caso di invalidazione di un brevetto detenuto da Apple.

Mala tempora currunt?

Fonte: FOSS Patents

Leave a Reply

Matteo Luigi Riso Articolo scritto da

Avvocato, programmatore, geek tutto in uno. Una passione smodata per la tecnologia e l’informatica, avido utilizzatore di Google e Android. La sua missione è divulgare e far comprendere la tecnologia e gli aspetti ad essa connessi.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: