Di’ la tua sui ristoranti di Roma e Milano con Zagat

Di - 27 September 2012 - in

Dopo l’acquisizione dell’azienda da parte di Google, circa un anno fa, il sistema di giudizio di +Zagat è stato integrato nella funzionalità Google+ Local e quindi messo a disposizione di tutti gli utenti G+ sia per la consultazione, sia per l’inserimento di una nuova scheda valutativa di recensione.

A questo proposito Zagat da molti anni è solita lanciare periodicamente dei sondaggi alla clientela, noti come Zagat Surveys.
In questi giorni, e fino all’11 novembre prossimo, sarà possibile compilare due surveys tutti italiani dedicati ai locali situati nelle zone di Roma e di Milano, votandoli e/o recensendoli, in cambio di un piccolo omaggio (che non vi sveliamo).

Come noto, la filosofia Zagat ha introdotto un modus operandi agli antipodi delle guide Michelin e affini, che si basano sul giudizio di esperti dell’arte culinaria. Con Zagat conta la valutazione di un ristorante dal punto di vista del cliente, unico giudice supremo e in grado di valutare ciò che gli è stato servito in un dato locale in termini di qualità sia del cibo che del servizio oltre che naturalmente del prezzo.

Chiunque può scrivere la propria opinione, che sarà sicuramente di aiuto ad altre persone che si apprestino alla ricerca del locale adatto alle proprie esigenze, secondo criteri genericamente ispirati al crowdsourcing. È chiaro che ci si basa sul semplice principio psicologico secondo cui l’essere umano solitamente preferisca conoscere l’esperienza diretta di un suo simile prima di esporsi direttamente all’”incognito”. Poiché in genere siamo propensi a diffondere le nostre esperienze gastronomiche, sia in positivo che in negativo, ecco che capita a fagiolo l’occasione di poterle rendere note sulla piattaforma ad hoc di Google+ Local, a memoria futura.

 

Via | Google Italia

Leave a Reply

Roberta Ranzani Articolo scritto da

Lifelong learner affascinata dal Web e dalla possibilità d'allacciare infinite Connessioni. Ama cucinare, i libri, la musica, le arti visive, i gatti e l'Affabulazione.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: