La vecchia API di Google Analytics sta per essere chiusa

Di - 1 June 2012 - in

Come Google ha già annunciato via email a tutti gli utenti di Analytics, a dicembre è stata lanciata la Core Reporting API, la nuova API di Google Analytics. Conseguentemente, la vecchia Data Export API verrà chiusa il 10 luglio. Gli sviluppatori sono quindi invitati a migrare alla nuova interfaccia i software che ancora utilizzano Data Export, per non trovarsi con applicazioni inservibili.

Google ha reso disponibile un semplice tutorial per imparare rapidamente le basi della nuova interfaccia. Nella pagina sono presentate in maniera estremamente chiara le principali funzionalità, con molti esempi nei piú diffusi linguaggi di programmazione utilizzati in ambito web (Java, Python, PHP, JavaScript).

Per approfondire ulteriormente, sono disponibili le nuove guide sia per Core Reporting API che per Management API, un’interfaccia alla gestione degli account. Per chi invece ha già un’applicazione basata sulle vecchie API, è disponibile una pratica guida alla migrazione.

La fatica di operare la migrazione ed imparare un nuovo sistema saranno ben ripagate. La nuova API, infatti, sostituirà il vecchio output XML con un output in JSON, generato molto piú velocemente e piú pratico da processare. Da parte di Google ci sarà un miglior controllo su chi fa cosa, con conseguente aumento della sicurezza, grazie anche al supporto dell’autenticazione OAuth 2.0.

Altro grande vantaggio per gli sviluppatori è la presenza di un piú ampio parco librerie, che semplifica moltissimo la creazione di applicazioni nei principali linguaggi di programmazione.

Buon lavoro!

Via | Google Developers Blog

Leave a Reply

Lorenzo Breda Articolo scritto da

Studente di Informatica a Roma, si occupa di programmazione web sopratutto lato server, e di accessibilità del web. Utilizza e ama Debian GNU/Linux, e si interessa di fisica, fumetto, trekking e fotografia (gli ultimi due possibilmente abbinati). Collabora con Googlab da aprile 2012.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: