Le librerie Qt su Android dalla versione 5.1

Di - 5 April 2013 - in
Post image for Le librerie Qt su Android dalla versione 5.1

Le librerie Qt sono molto note in ambito Linux, tanto da diventare uno strumento privilegiato per lo sviluppo di alcuni ambienti, ad esempio KDE. Esse sono molto utili per realizzare applicazioni con interfaccia grafica o testuale, ma il vero punto di forza è la possibilità di essere cross-platform. Grazie all’impegno di BogDan Vatra, a breve anche gli utenti Android potranno usufruire direttamente di queste librerie sul proprio telefono. Tutto ebbe inizio il Natale del 2009 quando Vatra decise di portare (realizzare una versione compatibile) le librerie sul sistema operativo mobile di casa Google. L’anno successivo era riuscito a creare un plugin grafico che permetteva di avviare applicazioni realizzate in Qt. Si dovette attendere il 2011 per Necessitas, la prima versione utilizzabile di Qt 4. Da allora fino ad adesso il team guidato da BogDan ha proseguito lo sviluppo, realizzando anche l’aggiornamento alla nuova versione, la Qt 5. Il riconoscimento più grande per la mente del progetto è arrivato nelle ultime settimane, quando il Qt Project ha deciso di realizzare ufficialmente la prima versione per Android (Qt 5.1). Sebbene quest’ultimo lavoro sia in particolar modo destinato agli sviluppatori, che potranno testare le proprie applicazioni sugli smartphone su cui gira l’OS realizzato a Mountain View, non viene precluso al grande pubblico l’utilizzo. Il rilascio in pompa magna avrà luogo con la versione 5.2 in cui sarà abilitato il supporto per le API Android e in generale sarà incrementata la stabilità.

Nel video precedente si può dare uno sguardo al Cinematic Experience in opera rispettivamente su un Nexus 4, un Transformer Pad ed un Nexus 7. Il demo mostra buona parte delle capacità grafiche di Qt Quick 2 come gli effetti shader e particellari. Grazie al lavoro congiunto del PathAnimation e del SceneGraph, inoltre, è possibile avere animazioni fluide a 60 fps. Sarà supportato anche il QML media player grazie alle API di QtMultimedia e il multitouch. Il supporto alle API Android più datate (di livello 10) garantiranno la compatibilità con Gingerbread, 2.3.3; questo permetterà di avviare applicazioni su telefoni di fascia bassa. Il team di sviluppo sarà felice di ricevere le segnalazioni di eventuali bug.

Via | Qt Project

Leave a Reply

Emanuele Boncimino Articolo scritto da

Web designer, sviluppatore, tech specialist ed Android Guru: sono gli obiettivi
che vorrebbe raggiungere nel lungo termine. Mantiene un ottimo grado di
conoscenza del mondo racimolando news estere. Sempre alla ricerca di sfide che
possano nutrire la propria mente: Engeene è tra queste.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: