L’impegno di Google nella lotta alla pirateria online

Di - 18 September 2013 - in
Post image for L’impegno di Google nella lotta alla pirateria online

Sempre più contenuti al giorno d’oggi vengono resi disponibili su internet. Musica, video e libri vengono creati dagli artisti moderni che possono sfruttare appieno le potenzialità della rete. Le violazioni al copyright rimangono di fatto un problema per chi detiene i diritti d’autore ma Google è costantemente al lavoro per cercare di fare la sua parte nella lotta alla pirateria online.

È stato pubblicato alcuni giorni fa uno studio che evidenzia i metodi adottati da BigG in questa battaglia. Una delle mosse più efficaci è proporre materiali legali convenienti come alternativa a quelli illegali. Ad esempio attraverso i contenuti di Youtube o del Play Store si riesce a fornire una valida scelta. Con l’introduzione del Content ID i profitti generati sono distribuiti direttamente ai proprietari.
Grazie alla propria posizione di gestore dei contenuti pubblicitari online, Google può eliminare dai propri servizi Adsense quei siti che distribuiscono materiale che viola il copyright. Nel 2012 ne sono stati estromessi circa 46 mila.

Inoltre, bloccando alcuni risultati, si riesce ad eliminare la tentazione del download illegale. Lo scorso anno sono stati segnalate circa 57 milioni di pagine, in media sono state necessarie meno di sei ore per eliminare il titolo incriminato dalla lista dei risultati. Nonostante ci sono diverse procedure automatizzate che bloccano questi contenuti si deve lodare il costante impegno di diversi milioni di impiegati impegnati in questa politica contro la pirateria.

Fonte | Google Blog 

Leave a Reply

Emanuele Boncimino Articolo scritto da

Web designer, sviluppatore, tech specialist ed Android Guru: sono gli obiettivi che vorrebbe raggiungere nel lungo termine. Mantiene un ottimo grado di conoscenza del mondo racimolando news estere. Sempre alla ricerca di sfide che possano nutrire la propria mente: Engeene è tra queste.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: