L’ultima frontiera è Google maps

Di - 20 March 2013 - in
Post image for L’ultima frontiera è Google maps

Google maps, attraverso la sua nota funzione di Street view, ci permette adesso di varcare qualsiasi frontiera. Il colosso di Mountain View oggi ci da’ la possibilità di fare una gita sulle più alte vette del pianeta in assoluta sicurezza. Utilizzando infatti la funzione di Street view, sarà possibile calcare i sentieri himalayani che portano alle cime dell’ Everest o del K2, visitare la punta Kilimangiaro o scalare il tetto delle ande sull’Anconagua.

Di certo per gli appassionati di Alpinismo e Trekking, ciò rappresenta una comoda opportunità di visitare alcuni tra i più straordinari e pericolosi paesaggi del globo. Per noi italiani il K2 è anche un orgoglio nazionale, in quanto siamo stati i primi a conquistarne la vetta. Ci si sente tutti un po’ Lacedelli-Compagnoni-Desio nell’osservare le splendide foto della Montagna Selvaggia, una vetta che ancora oggi statisticamente miete il 25% di vittime tra chi tenta di scalarla.

Everest, K2.

Per procedere lungo i percorsi, si utilizzano i classici strumenti dello street view, come le frecce interattive o le sfere. Si può anche interagire direttamente con la galleria posta in alto a sinistra laddove presente. C’è la possibilità inoltre di zoomare, per ingrandire le foto e rendere più reale l’esperienza di utilizzo.

Kilimangiaro, Aconcagua.

Vogliamo ricordare a tutti che questa nuova opportunità che ci offre Google, attraverso Maps e Street View, non si limita solo ai panorami delle cime alpine e non, ma ci consente di passeggiare tra le vie, i monumenti e le piazze più visitate del mondo. Quanto più sono presenti fotografie della nostra meta, tanto più sarà dettagliata la visita attraverso la street view. Che sia Pechino e la Città proibita o il Machu picchu, la modalità di utilizzo è la medesima che abbiamo descritto. Personalmente, avevo molta voglia di provare e testare questa novità, e l’ho sperimentata anche per luoghi come Positano e La Muraglia Cinese ottenendo davvero ottimi risultati.

Link utili: Condividere photo sphere su google maps

Photo Sphere su Google Earth

Come nascono le mappe google

Leave a Reply

Dario Mola Articolo scritto da

Da sempre con la passione per l'informatica e le nuove tecnologie. Con l'universo Android è stato un vero colpo di fulmine, un progetto che seguo dalla versione 1.6 passando per tutte le Major Release successive. Mi piace andare a scovare applicazioni poco note per portarle alla ribalta, è un pò come contribuire alla crescita dell'ecosistema Android filtrando le applicazioni più valide e meritevoli. Appassionato di sport, scacchi, cucina e libri.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: