Modelli di retro computer e console fatti di LEGO

Di - 13 May 2014 - in
Post image for Modelli di retro computer e console fatti di LEGO

Se c’è un gioco che appassiona ed unisce i geek di ogni età da decine di anni, sono le costruzioni della LEGO. Molti di essi amano definirsi AFOL, sigla appositamente coniata all’interno dell’ambiente dei LUG (LEGO User Group) per definire un adulto appassionato di LEGO. AFOL infatti sta per Adult Fan of LEGO.

I mattoncini LEGO (almeno quelli classici) sono nati e restano tuttora giochi prevalentemente destinati ai bambini. Tuttavia questo gioco, per le sue caratteristiche di estrema modularità e disponibilità di elementi, che pur mantengono una propria estetica comune, si presta ad essere utilizzato dagli adulti, oltre che per svago, anche per scopi diversi, tra cui quello artistico.

Basta effettuare una ricerca su Flickr per scovare moltissimi artisti che si dilettano ad assemblare i mattoncini LEGO per ottenere modelli e scene non previste dai set ufficiali dell’azienda ma che mantengono lo stesso fascino e look di qualità dei prodotti ufficiali.

Fra questi artisti c’è Chris McVeigh, aka powerpig su Flickr, che fra i suoi molti modelli ha creato una linea specifica dedicata all’elettronica di consumo dal sapore retrò.

Ed ecco nascere console NINTENDO, computer Apple Mac e Commodore 64 (oltre ad altri oggetti iconici) tutte costruite con i mattoncini LEGO. L’effetto è impressionante per qualità e precisione dei dettagli.

Lego Mac 1

Come se non bastasse l’artista ha anche creato una pagina web apposita che contiene le istruzioni di montaggio in PDF.

Se come me fate parte della Generazione X e siete quindi preda dalla nostalgia rivedendo alcuni dei prodotti che ricordano gli anni d’oro della nostra vita, vi invito a ricreare quete meraviglie.

Vi lascio con una galleria di alcune immagini delle creazioni di Chris McVeigh.

Credit immagini | Chris McVeigh

Leave a Reply

Gabriele Visconti Articolo scritto da

Editor in Chief per Engeene.
Appassionato di Linux, FOSS, videogame e, da poco, di cucina. Parla quattro lingue ed ama leggere libri in lingua inglese.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: