[Native Client] Arriva il supporto di Unity

Di - 17 February 2012 - in

Qualche tempo fa vi avevamo presentato Native Client, la piattaforma di Google che permette di eseguire codice nativo sul browser Chrome, permettendo l’esecuzione di programmi complessi attraverso di esso e mantenendo i vantaggi di un’applicazione web. A supportare ulteriormente questa piattaforma, ora arriva anche Unity game engine.

Con l’introduzione della versione 3.5 di Unity, il supporto multi-piattaforma di questo potente strumento per la creazione di videogames, si allarga anche a Native Client.
La creatura di Unity Technologies, permette agli sviluppatori di realizzare games di alto livello per moltissimi sistemi: Windows e Mac, ma anche console come Playstation 3, Xbox 360, Wii, oltre a sistemi Android e iOs.

La tecnologia di Native Client permette di elaborare programmi, che poi saranno  fruibili dal web, di  notevole complessità. Anche se il supporto a questa tecnologia per il momento è limitato solo a Chrome, le possibilità di Google di distribuire software e la sempre più vasta diffusione di Chrome, rendono NaCl una piattaforma dal grande potenziale.

Il supporto di Unity si muove proprio in questa direzione, permettendo agli sviluppatori di progettare giochi che potranno essere scaricati direttamente dal Chrome Web Store e giocati dal browser.
Gli unici limiti di NaCl al momento, sono dati dal supporto alla sola architettura x86 e alla mancanza di supporto per la neonata versione beta di Chrome per Android.
Tuttavia Google è al lavoro per superare queste limitazioni, cosa che dovrebbe aumentare ulteriormente l’espansione di NaCl che, sopratutto in ambito mobile, aprirebbe le porte a scenari di gaming (ma non solo) davvero interessanti.

Via | Cnet

Leave a Reply

Jacopo Rabolini Articolo scritto da

Technical lead e fondatore di Engeene. Si occupa di web design e web development nel tempo libero. Vorrebbe farne la sua professione. Ama il web, la tecnologia, lo spazio, i Lego, Doctor Who e un sacco di altre cose che gli hanno valso a volte l’appellativo di Nerd e altre quello di Geek.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: