Novità per gli sviluppatori in Windows Phone 8 GDR3

Di - 17 December 2013 - in
Post image for Novità per gli sviluppatori in Windows Phone 8 GDR3

Di recente Microsoft ha presentato ufficialmente l’aggiornamento GDR3 per Windows Phone 8, il terzo ed ultimo minor update del 2013 per la sua piattaforma mobile, il quale ha portato diverse novità sia per gli utenti che per i developers.

Se nello scorso articolo abbiamo trattato delle principali novità portate dalla release GDR3 dal punto di vista dell’utilizzatore finale, in quest’articolo vorremmo approfondire un po’ di più le novità per gli sviluppatori.

Anzitutto, visto che l’aggiornamento GDR3 porta principalmente supporto a nuovi hardware, è stato aumentato a 570 MB il limite massimo di memoria sfruttabile dalle singole apps su dispositivi con 2 GB di RAM, mentre il limite di memoria utilizzabile per le applicazioni che sfruttano un agente per riprodurre audio in background passa da 20 MB a 25 MB per i dispositivi con almeno 1 GB di RAM. È stato inoltre introdotto il supporto alla risoluzione 1080p.

Sono stati aggiunti anche due nuovi schemi URI per lanciare le schermate “Risparmio batteria” e “Rotazione schermo” direttamente dalla propria app, ovvero ms-settings-power e ms-settings-screenrotation. Tali schermate possono essere lanciate usando, come per gli altri schemi URI, la funzione LaunchUriAsync(Uri) e passando come parametro a quest’ultima lo schema URI che si vuole utilizzare. Ad esempio, per lanciare la schermata “Risparmio batteria”, possiamo far uso della seguente chiamata della funzione sopracitata (in C#):

Windows.System.Launcher.LaunchUriAsync(new Uri(“ms-settings-power:”));

Anche le notifiche toast sono oggetto di notevoli cambiamenti in questa release, a partire dal fatto che sarà possibile assegnarvi suoni personalizzati. Il file audio destinato allo scopo dovrà essere in formato WAV, WMA o MP3 , non dovrà superare i 10 secondi di durata complessiva e dovrà essere collocato direttamente nella directory d’installazione dell’app o nella cartella di storage locale.
Inoltre se prima, mentre un’app era aperta in primo piano, le sue notifiche toast venivano nascoste anche nel caso in cui app venisse oscurata da altre attività quali una chiamata in entrata o la schermata di blocco, ora in queste stesse circostanze esse torneranno ad apparire sul display.
Infine è stata aggiunta una nuova proprietà booleana, chiamata PowerSavingModeEnabled, complementare alla già esistente PowerSavingMode. Questa nuova proprietà potrà essere usata per avvisare l’utente che le notifiche push sono disabilitate ogniqualvolta il valore di PowerSavingModeEnabled è true.
Un esempio di come implementare tale funzionalità e controllare che il dispositivo in questione sia aggiornato almeno alla release GDR3 ci viene offerto direttamente da Microsoft:

using Windows.Phone.System.Power;

public void CheckBatterySaverState()
{
    // The minimum phone version that supports the PowerSavingModeEnabled property
    Version TargetVersion = new Version(8, 0, 10492);

    if (Environment.OSVersion.Version >= TargetVersion)
    {
        // Use reflection to get the PowerSavingModeEnabled value
        bool powerSaveOn = (bool)
            typeof(PowerManager).GetProperty("PowerSavingModeEnabled").GetValue(null, null);

        if (powerSaveOn)
        {
            MessageBox.Show("Battery Saver enabled. This app won’t receive notifications when Battery Saver is active.");
        }
    }
}

Le applicazioni di terze parti possono sfruttare queste funzionalità solo sui dispositivi aggiornati a Windows Phone 8 GDR3, per cui è necessario utilizzare qualche riga di codice per verificare che il dispositivo su cui tale applicazione viene eseguita sia aggiornato almeno a questa versione.
Di seguito riportiamo, sempre dal sito MSDN, una porzione di codice (sempre in C#) d’esempio per tale scopo:

private static Version TargetedVersion = new Version(8, 0, 10492);
public static bool IsTargetedVersion
{
    get { return Environment.OSVersion.Version >= TargetedVersion; }
}

Via | Windows Phone Dev Center

Leave a Reply

Ivan Maltese Articolo scritto da

Attratto fin da piccolo da ogni genere di oggetto tecnologico, inizia a muovere i primi passi su Windows 3.11 in tenera età. Negli anni sviluppa la sua passione specialmente in campo videoludico, senza però trascurare gli altri aspetti dell'informatica. Utilizzatore di prodotti e servizi Microsoft, attualmente studia Ingegneria Informatica al Politecnico di Milano.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: