Novità su AdWords, presto pronti i nuovi Sitelink

Di - 24 June 2013 - in
Post image for Novità su AdWords, presto pronti i nuovi Sitelink

È quasi un’abitudine ormai iniziare gli articoli parlando delle novità che AdWords sta implementando. Nel 2012, all’AWSummit di Mountain View, ci vennero raccontate grandi cose per il futuro della piattaforma ma, sinceramente, credo che pochi dei presenti avessero di fatto intuito di cosa si stava parlando. Che AdWords avrebbe avuto un cambio di rotta radicale era nell’aria e del resto l’influenza di navigazione degli smartphone non poteva lasciare la ricerca allo stato precedente. Così come i Social Network stavano (e stanno tuttora) modificando i modi d’uso dei telefoni, rendendoli di fatto terminali infaticabili da qualsiasi attività.
Bastava fare 1+1, ma in un panorama dove il livello degli inserzionisti sta crescendo, era impossibile mantenere la difficoltà del gioco sugli stessi livelli. Senza niente togliere niente a nessuno degli utenti, ma quando la piattaforma offre un sistema infallibile per tutti, il rischio che si livellino i risultati si palesa.
Allora, goccia dopo goccia, la piattaforma si è ampliata. Del resto Google punta alla qualità per i soliti due motivi che citiamo spesso. Da una parte qualità è fornire risultati utili in seguito a una ricerca e secondariamente è portare – sulla base dell’utilità degli annunci – buoni clienti agli inserzionisti.
Questo gioco produce un aumento di clic sugli sponsored ads e di conseguenza un aumento degli inserzionisti.

Al punto in cui siamo – con l’organica che la fa sempre da padrona – la corsa è necessariamente al CTR, per fare in modo che i risultati propongano scelte idonee, esclusive e esaustive, già a livello di visualizzazione dell’annuncio, di quello che sarà poi il contenuto.
Tra tutti gli elementi che concorrono ad aumentare il CTR, dobbiamo sempre ricordare le estensioni di annuncio; si perché mentre l’annuncio ha una sua originale creatività con la quale deve convincere l’utente al clic, le estensioni in qualche modo condizionano la scelta risultando più accattivanti.

I sitelink sono una di queste estensioni e da sempre – calcando l’onda dei cugini organici – garantiscono di impostare una strategia di clic diversificata anche sulla base della query che le scatena. Se infatti la query attiva un annuncio, grazie ai sitelink possiamo mostrare risultati analoghi o concorrenti.
Cerchi “scarpe”, ecco l’anagrafica, ma io le ho anche in offerta. Cerchi “scarpe”? Sappi che vendo anche cinture (ad esempio).
Tanto valide erano le strategie di sitelink, che AdWords consentì di sviluppare delle apposite creatività descrittive se i sitelink erano legati come URL di destinazione a un annuncio presente in un altro gruppo.
Oggi invece – o meglio dal 22 luglio – questo sistema si rivoluziona di nuovo.

Nel pannello estensioni annuncio su AdWords, sarà possibile attribuire una descrizione ai “nuovi sitelink“.
In questa scheda potremo gestire:

  • nome del link
  • URL del link
  • preferenza di device (mobile)
  • (opzionale) linea di descrizione 1
  • (opzionale) linea di descrizione 2
  • schedulazione (inizio e fine)

Il risultato a video sarà grosso modo quello qua sotto.

Come l’Inside di AdWords specifica, il fatto che si inseriscano le due righe di descrizione opzionale, non implica che queste verranno sempre mostrate; ma del resto è già così coi tradizionali sitelink. Non solo bisogna avere una buona posizione (in alto nei risultati), ma il formato stesso potrà variare di volta in volta, anche escludendone la visualizzazione.
E allora continuiamo così, nell’attesa settimanale di scoprire cosa ci riservano i nostri ingegneri preferiti.
La battaglia sul CTR sembra essere appena iniziata!

Leave a Reply

Andrea "Blubit" Testa Articolo scritto da

Andrea "Blubit" Testa lavora come consulente per la pubblicità online dal 1993 e si è specializzato nelle campagne SEM dalle prime piattaforme di keyword advertising in pay-per-clic. E' Top Contributor di Google AdWords dal 2010.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: