Nuove policies per i Sitelink AdWords

Di - 1 October 2012 - in

I sitelink sono da sempre una delle più prolifiche (e produttive per l’utente) “invenzioni” di AdWords in termini di miglioramento del CTR. Quel qualcosa in più che garantisce di atterrare prima possibile sulla landing page richiesta. Chiave generica, trovo il sito, ma in realtà volevo andare qui dove mi porta (e consiglia) il sitelink.

Abbiamo visto le scorse settimane una nuova funzione (ENHANCED SITELINKS) che nasceva ancora di più dalla necessità di fornire contenuti nuovi, diversi ed originali per garantire una miglior esperienza all’utente, nonché una scorciatoia nel numero di clic. Il punto è che tutto questo castello si reggeva “sull’onestà degli inserzionisti” nel proporre informazioni univoche che fossero riconducibili a pagine diverse, con contenuto diverso.
In pratica se metto 4 sitelink: prezzi, appartamenti, piscina e offerte (es. se sono una struttura ricettiva), non dovrei mandare sempre sulla stessa pagina anche se qui offro in effetti tutte queste informazioni. In alcuni casi addirittura, qualcuno si è attrezzato per mostrare si URL diversi, ma con stesso contenuto! E se non fosse altro che per la conoscenza dello “Zoo di Google”… sembrava paradossale ricorrerere a tale bieco espediente.

Il crescente fenomeno di “inganno”, o meglio mancanza di originalità, ha piuttosto infastidito Google – che ultimamente è ancora più attento a far seguire le proprie policies – ed è così che sono state inasprite le stesse, garantendo un intervento proattivo, ma morbido e progressivo: non appena un sitelink viene attivato o modificato, il sistema provvederà a verificarlo. Se non segue le policies non verrà mostrato.

Ma non siamo solo di fronte a una politica esclusivamente e drasticamente restrittiva. Alla base di tutto c’è come detto, la volontà di garantire buoni contenuti. Ed allora proprio legandosi all’importanza di offrire informazioni diverse ed esclusive, Google oggi più che mai chiede di inserire almeno 6/10 sitelink. Più sitelink, più contenuti, più sitelink attivi, maggior visibilità e più scelta. Cioè miglior CTR!
Un po’ di bastone ed un po’ di carota quindi, ma anche col bastone, non essendo ritenuta una violazione grave, Google garantirà mesi per allineare la correttezza dei link nei sitelink… quindi nessun timore anche per coloro che lo hanno fatto inavvertitamente o senza saperlo!

Il consiglio a questo punto è comunque di correre ai ripari. Scheda estensioni annuncio e via con la revisione (proattiva)!

Leave a Reply

Andrea "Blubit" Testa Articolo scritto da

Andrea "Blubit" Testa lavora come consulente per la pubblicità online dal 1993 e si è specializzato nelle campagne SEM dalle prime piattaforme di keyword advertising in pay-per-clic. E' Top Contributor di Google AdWords dal 2010.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: