Photo Sphere su Google Earth

Di - 25 January 2013 - in

Il settore fotografico dei dispositivi Android è in costante sviluppo. Le ultime innovazioni hanno portato la possibilità di potere scattare delle foto panoramiche a 360 gradi, con la quale il sistema mobile di Google si trova sempre un passo avanti rispetto a quello di Apple.

Ora arriva una novità per quanto riguarda Street View, il sistema che permette di visitare in prima persona le strade delle maggiori città al mondo, presente sia in Google Maps che in Google Earth. È stata infatti introdotta la possibilità di visualizzare le famose “sfere” scattate all’interno degli edifici.

Per utilizzare questa nuova interessante opzione, che si aggiunge alle moltissime già presenti su Google Earth, basta trascinare l’omino (utilizzato per attivare Street View) direttamente in apposite zone circolari aggiunte sulle mappe. Non sono molto evidenti, e potrebbero addirittura confondersi con la mappa stessa, ma ponendo un po’ di attenzione è possibile scorgerle tra i vari edifici.

 

Questa mossa è ovviamente orientata verso il business. Infatti, i gestori di locali o attività commerciali, potranno attirare nuovi clienti permettendo loro di visitare l’ambiente senza doversi spostare di casa. Per inserire la foto della propria attività, è sufficiente utilizzare l’apposita pagina di Google Maps per il business

La nuova funzionalità permette, inoltre, di aggiungere al database di Google Earth le foto scattate tramite un apparecchio Android. Quindi luoghi pubblici e di interesse potranno essere visitati grazie alla partecipazione degli utenti stessi.

Si completa dunque il vicendevole scambio tra Android e Google Street View. Il sistema operativo aveva ricevuto la funzione di foto a 360 gradi, in dote, proprio dal servizio di esplorazione stradale. Ora avviene il percorso inverso, attraverso il quale è Android a contribuire, tramite i suoi utenti, arricchendo il parco delle viste possibili da Google Earth.

L’utente sarà in grado di visitare sempre nuovi luoghi, senza muoversi da casa: il reale che diventa digitale, in attesa del Project Glass che si prefigge lo scopo di digitalizzare la realtà.

Via | Google Earth Blog

Leave a Reply

Vincenzo Cimmelli Articolo scritto da

Studente di Informatica presso l’Università Federico II di Napoli. Utilizzatore dei servizi Google da diverso tempo. Particolarmente attratto da Android, di cui è un fiero utilizzatore. Amante del mondo GNU/Linux, la sua distribuzione attuale è Debian Wheezy con Gnome Shell. Sognatore per natura, spera di riuscire a realizzare almeno uno dei progetti stipati nel suo cassetto.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: