[Places] Consigli da persone con i tuoi stessi gusti

Di - 25 May 2011 - in

Sempre perseguendo una filosofia di integrazione social “orizzontale”, e quindi sempre più pervasiva nei propri prodotti, Google ha annunciato oggi una funzione sperimentale all’interno di Google Places.
Il concetto che sta alla base della nuova funzionalità è che ha molto più senso combinare i consigli di posti da visitare in base alla similitudine di gusti di utenti diversi, piuttosto che puntare sulla relazione di amicizia, parentela e conoscenza diretta in genere.
Se io amo particolarmente la cucina vegetariana, e sono una mosca bianca all’interno del mio gruppo di amici, è molto più interessante per me ricevere suggerimenti da altre persone vegetariane come me.
Questa nuova funzione sperimentale viene chiamata in inglese “people like you“.
Nel menu contestuale alla pagina di Places relativa al vostro account, l’ultima voce è proprio “people like you”.
In questa pagina potrete vedere gli utenti che l’algoritmo di Google ha categorizzato come aventi gusti simili ai vostri.

E’ chiaro che questa funzione ha maggiore impatto a seconda del numero di posti che avete visitato e di recensioni che avete pubblicato.
Infatti, aggiungendo una nuova recensione, per una data categoria di posto, viene visualizzato in alto a destra un avviso che informa circa il numero di recensioni necessarie per ricevere maggiori raccomandazioni.
E’ probabile quindi (anche se non certo) che il numero di recensioni di una determinata categoria di posti influenzi l’associazione di utenti con interessi simili ai nostri.

Come potete vedere la mia dashboard è piuttosto desolata. Spero comunque che andrà a riempirsi mano a mano che aggiungerò posti perché credo che questa funzione possa essere piuttosto interessante come suggerimento per posti nuovi da visitare.

Leave a Reply

Gabriele Visconti Articolo scritto da

Editor in Chief per Engeene. Appassionato di Linux, FOSS, videogame e, da poco, di cucina. Parla quattro lingue ed ama leggere libri in lingua inglese.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: