[Places] Interno dei negozi su Street View

Di - 29 October 2011 - in


Google ha da un po’ di tempo ormai (diversi mesi) lanciato un progetto per supportare le piccole attività commerciali che vogliono farsi conoscere dal proprio bacino potenziale di utenti. In sostanza il servizio, legato a Places, prevede che Google invii, in modo del tutto gratuito, dei fotografi per scattare fotografie professionali del luogo.

Per poter fare questo il proprietario di un’attività commerciale si può iscrivere al progetto Google Business Photos.
Le fotografie verranno poi utilizzate da Google nella descrizione dell’attività commerciale inserita all’interno di Places.
Attualmente questo servizio è attivo solo per alcune città del mondo negli Stati Uniti, Australia, Nuova Zelanda, Giappone, Francia e Gran Bretagna.
Ma non è finita qui.
Più recentemente Google ha aggiunto un “add-on” a questo servizio registrando fotografie a 360 gradi per incorporare le attività commerciali all’interno di Street View.

Questo tipo di operazione è davvero interessante in quanto rappresenta un plus incredibile sia per i proprietari che per gli utenti.
I primi avranno modo di mostrare al pubblico, in modo inedito (almeno su una piattaforma famosa come Google Maps), il proprio locale.
Quando questo tipo di “mappatura” sarà molto diffusa, essa rappresenterà un formidabile strumento di tutela per gli utenti che avranno modo di vedere esattamente la qualità del locale di loro interesse.
Questo è l’aspetto che mi interessa di più.
In futuro quindi non saremo solamente in grado di verificare se “..l’hotel a due passi dal mare” si trova esattamente lì e non a due kilometri e mezzo, ma potremo anche valutare se “..l’arredato con gusto” non è per caso una topaia che non ha mai visto la luce del sole dagli anni ’70.
Vi lascio ad un simpaticissimo video in stop motion, e con protagonisti robottini che ricordano quelli di Machinarium http://machinarium.net/demo/ , che spiega egregiamente questo servizio.

 

Leave a Reply

Gabriele Visconti Articolo scritto da

Editor in Chief per Engeene.
Appassionato di Linux, FOSS, videogame e, da poco, di cucina. Parla quattro lingue ed ama leggere libri in lingua inglese.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: