Pubblicato Chromium Aura sotto Wayland

Di - 25 June 2012 - in

Vi avevamo già parlato di come Google avesse intenzione di portare l’interfaccia grafica di Chromium (e di conseguenza di Chrome) sotto Wayland, l’ottimo protocollo per display server open source che presto sarà supportato dalle principali distribuzioni Linux.

Il lavoro dello sviluppatore Daniel Nicoara, di Google, era però poi stato abbandonato.

Intel, però, è rimasta molto interessata alla cosa, in quanto un supporto di Wayland da parte di Chrome OS migliorerebbe le prestazioni del sistema, permettendo di migliorare le performance dell’hardware dei Chromebook.

Ad inizio giugno, quindi, lo sviluppatore Intel Yan Wang ha annunciato che il lavoro di porting è finito, e ha pubblicato una versione di Chromium la cui gestione della grafica è affidata al sistema Aura, parte del progetto Chromium, che gira sotto protocollo Weston. Egli sta continuando a tenere aggiornato il sistema alle ultime versioni di sviluppo, correggendo i pochi bug rilevati, in maniera da poter presto pubblicare il sistema in una release ufficiale.

In un futuro molto prossimo, dunque, tutto il compartimento grafico di Chromium girerà sotto Wayland, con un miglioramento sicuramente sensibile delle prestazioni e delle funzionalità rese disponibili alle applicazioni. Questo permetterà di migliorare sia nelle funzionalità che nelle prestazioni tutto il parco applicazioni del browser di casa Google.

Chrome OS si avvicina sempre di piú ad essere un sistema operativo completo nonostante la sua leggerezza, al punto da essere ormai decisamente appetibile per chiunque voglia sviluppare applicazioni basate sul web.

Via | Phoronix

Leave a Reply

Lorenzo Breda Articolo scritto da

Studente di Informatica a Roma, si occupa di programmazione web sopratutto lato server, e di accessibilità del web. Utilizza e ama Debian GNU/Linux, e si interessa di fisica, fumetto, trekking e fotografia (gli ultimi due possibilmente abbinati). Collabora con Googlab da aprile 2012.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: